• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

iromei

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L'amministratore non ha richiesto il bonus fiscale del 50% avendo adeguato il riscaldamento con installazione di valvole e conta calorie
Chiedo
Se ne avevamo diritto
Se si cosa possiamo fare ora per ricevere il bonus
GRAZIE E BUONA SETTIMANA A TUTTI.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Ora la spieghi in modo diverso.
L'amministratore non doveva (e non deve) chiedere il bonus del 50%...ma "operare" in modo tale da rispettare le condizioni perché ne aveste diritto.

Qui diventa questione di "lana caprina": se "formalmente" l'amministratore non deve curarsi delle eventali questioni fiscalj, in capo ai singoli proprietari, salvo riceva specifica richiesta in tal senso...è innegabkle che solo un professionista inadeguato non si attiverebbe anche chiedendo le intenzioni inespresse.
Solo uno sprovveduto potrebbe campare scuse.

Ora il problema.è capire se ci sono margini di manovra per porre rimedio...ma servono più particolari e capire l'eventuale disponibilità del fornitore.

Intanto accertati se è stato fatto il bonifico con la ritenuta operata dalla Banca.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Tra l'altro se non ricordo male, da quando la contabilizzazione è diventata obbligatoria, di per se non rientra più nella detrazione del 65%, ma solo in quella del 50%: a meno che non venga dichiarato che faccia parte di un intervento complessivo più grosso come il cambio di caldaia ecc.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto