• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

vinpap

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Salve, abbiamo eseguito dei lavori di ristrutturazione dell'immobile condominiale, ma il tribunale ci ha imposto di accantonare e poi pagare ad un creditore dell'impresa appaltatrice una quota delle sue spettanze. Su questa quota non potendo fare il bonifico per ristrutturazione dovendola versare direttamente ai creditori dell'impresa, come possiamo recuperare la detrazione fiscale. Possiamo fare riferimento alla circolare 43/e del 2016 dell'agenzia delle entrate che recita alla fine (anche se il caso è differente):
In tal caso è necessario che il beneficiario dell’accredito attesti nella dichiarazione sostitutiva di atto notorio di aver ricevuto le somme e di averle incluse nella contabilità dell’impresa ai fini della loro concorrenza alla corretta determinazione del suo reddito.
e farci sottoscrivere una dichiarazione e insieme alla ingiunzione di pagamento del tribunale utilizzarle per
detrarre le spese in questione in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi?
Grazie
 

Allegati

  • circolare_43_E_2016.pdf
    218,4 KB · Visite: 7

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Domanda cui è difficile dare risposta certa.
Come ha riportato la Circolare non attiene al tuo caso perché prevede un pagamento richiamato in un atto notarile oppure con tipologia differente dietro con dichiarazione in sostituzione.
Nel tuo caso il pagamento avverrebbe con altro destinatario.

Magari è possibile bonificare a chi fattura ma usare l'iban dei creditori.

Caso "inconsueto"...per sicurezza interpella un commercialista o meglio ancora fai una "interrogazione formale" direttamente all'AdE prima di procedere.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto