1. CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag:
  1. Verner

    Verner Nuovo Iscritto

    Condòmino proprietario
    Come da titolo, devo sostituire finestre e persiane di casa. Posso farlo scegliendo il prodotto che mi piace di più o devo chiedere il permesso in assemblea?

    Pensavo a delle finestre e persiane in alluminio rispettando i colori attuali.
     
  2. giorgino

    giorgino Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    In generale per tutte le opere che riguardano le unità immobiliari e che non interessano parti condominiali, non serve alcuna delibera specifica da parte dell'assemblea.

    E' sufficiente informare l'amministratore del condominio con una lettera nella quale si dichiara quali opere si vanno ad eseguire. Egli potrà poi in un'assemblea successiva informare o meno il condominio.

    Il codice civile infatti impone soltanto che le opere eseguite non rechino danno, pregiudizio alla stabilità e alla sicurezza o al decoro architettonico dell'edificio.

    Per quanto riguarda gli infissi, quindi, rientriamo nel caso del decoro architettonico. In poche parole finchè sostituiamo gli infissi con altri di pari aspetto anche se di diverso materiale (ad esempio mettendoli in PVC piuttosto che in alluminio).
    Nel caso in cui un condòmino installi - ad esempio - delle persiane arancioni quando tutte le altre del condominio sono verdi, l'amministratore ne può chiedere e ottenere la rimozione. Il che si traduce in uno sperpero di denaro per il condòmino col cattivo gusto dovendo fare due volte le stesse opere.

    Nei casi dubbi (tende da sole e altre cose dall'aspetto più variabile) conviene decisamente consultare l'assemblea dei condòmini o guadagnarsi - almeno - il parere favorevole dei consiglieri (magari per iscritto, giusto per non rischiare).

    Per concludere, una recente sentenza della Cassazione di cui non ricordo gli estremi ha chiarito che

    non lede il decoro architettonico di un edificio un’opera compiuta da un condòmino quando detto decoro sia già stato degradato, in passato, a causa di preesistenti interventi modificativi tollerati dagli altri condòmini e di cui non sia stato preteso il ripristino
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi