• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ALDO

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
buongiorno
devo istallare un ascensore dove è necessario allargare il vano scale (un tecnico ha già verificato che ci sono gli spazi di legge), e le spese sono a mio carico, in sede assembleare per avere parere favorevole di quale maggioranza ho necessità?
grazie
Aldo
 

Lucianone

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Ciao @ALDO benvenuto su condominiopro :)

Beh, bisognerebbe entrare bene nel merito delle opere da eseguire ma non vedo grandi difficoltà nel tuo caso.

L'installazione dell'ascensore in un edificio che ne è privo, inserendo l'impianto nelle scale, è solitamente classificato come innovazione ai sensi dell’art. 1120 c.c.
Ora nel tuo caso è vero che occorre provvedere alla rifilatura delle scale, ma tutta la giurisprudenza punta a semplificare le procedure per installare gli ascensori dove non ci sono, grazie anche alle normative sull'abbattimento delle barriere architettoniche.

Ci sono disabili nel tuo condominio? Se si, ti basta anche una maggioranza semplice.

Naturalmente alla base di quanto ho chiarito, occorre che le opere che prevedi di fare nelle scale, non ledano in nessun modo la proprietà comune ne privata degli altri condòmini, così come non stravolgano la destinazione d'uso delle parti comuni e non deturpino il decoro dell'edificio.
 

alessietta

Moderatore
Membro dello Staff
Amministratore di Condominio
Ciao @ALDO
essendo il tuo, un costo gravoso e di utilizzazione separato, i condòmini che non intendono sopportarne la spesa ne sono esonerati, anche se approvano tale delibera, ovvero accettano l'installazione dell'ascensore ma non parteciperanno alla spesa e questo deve essere messo a verbale.

In futuro poi, qualora l'impianto dovesse servire anche a qualche altro condòmino, potranno contribuire alla spesa di esecuzione e di manutenzione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto