• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

luigi massaroni

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Assemblea straordinaria, non avendo raggiunto il quorum millesimale, si possono richiedere deleghe ai condòmini assenti tramite il telefono cellulare. Quale modalità le rende valide?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Forse hai dimenticato/errato una corretta punteggiatura:
1-si possono richiedere deleghe ai condòmini assenti tramite il telefono cellulare ?
2-Quale modalità le rende valide?

Art. 67 disp. att. c.c.. Ogni condòmino può intervenire all'assemblea anche a mezzo di rappresentante, munito di delega scritta.

Mi pare che la frase risponda ad entrambe le domande.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Una delega scritta , fotografata e inviata via cell , integrata da consegna di originale , potrebbe forse essere accettabile, soprattutto in situazioni non conflittuali .
In uno dei condòmini nei quali ho immobili usiamo a volte questo metodo perché siamo 170 (di cui molti stranieri del nord Europa, che nemmeno parlano italiano); altrimenti le assemblee non avrebbero quasi mai il numero legale per deliberare su certi argomenti .
 

Gianco

Membro Junior
Geometra
Visto che il documento deve essere regolare al momento della sua produzione in sede di assemblea, non capisco l'utilità della presentazione anche di quella inviata telefonicamente, a meno che il presidente dell'assemblea non decida di accettare la copia, in attesa dell'originale. Non credo che sia regolare.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L'accettare una copia che potrebbe essere alterata,
Non parlo di copia, ma di delega “in originale” fotografata , per la difficoltà logistica di consegnarla personalmente.
Pur sapendo che non è un metodo ineccepibile, non ne è stato trovato uno migliore.
È assimilabile alla delega (con firma in originale del delegante), inviata via mail; credo che solo il delegante stesso possa contestare ( ma non sembra possa averne motivo ex post).
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
solo il delegante stesso possa contestare
Questo non è detto: se la forma prescritta è quella scritta, chiunque abbia interesse e titolo, potrebbe contestare il recepimento di deleghe non pervenute nelle classiche modalità: (firma in originale, raccomandata pec, firma elettronica, mail semplice forse accompagnata da documento d'identità valido).

Però se questo chiunque non obietta, .... vedi il vostro caso, chi altro potrebbe mettere in discussione l'operato scaturito dall'assemblea?
In sostanza, potenzialmente potrebbero configurarsi delibere annullabili, (da qualche piantagrane), ma non nulle.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Una delega è valida solo se presentata in forma scritta.
Solo il Presidente di assemblea ha il compito e la responsabilità di verificare/accettare una delega.
Solo il delegante ha il diritto di contestare una delega relativamente alla scelta di voto ma nei confronti del solo delegato.
Parimenti potrebbe contestare chi si ritiene leso da una delibera "viziata" da una (o più) delega "irregolare" ove la stessa (o più) si dimostri determinante per l'esito del voto

Non si comprende perché si debba ricorrere ad un "rimedio all'ultimo minuto" quando si ha tutto il tempo per prepararsi.

Approvare una delibera ricorrendo ad escamotage per raggiungere una maggioranza che non c'era è un ottimo sistema per complicarsi la vita.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Dott. MM ha scritto sul profilo di gavino.
Carissimo,
Ho letto il Suo ultimo quesito sul forum, molto interessante come spunto di riflessione.
Alto