• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fuleti

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno. Avrei bisogno di una delucidazione circa la servitù passiva che ho nella mia villetta relativa agli scarichi fognari.
Sette villette unifamiliari a schiera, costruite trenta anni fa, sono adiacenti sia per quanto riguarda la muratura che i rispettivi giardini.

Il costruttore (che è proprietario della villa capofila) ha incanalato i suoi scarichi reflui in un tombino nel suo giardino che immette in una tubazione interrata nel suo, nel giardino della villetta adiacente e per ultimo nel mio giardino e che si allaccia alla mia fossa biologica collocata nel mio giardino.
Il proprietario della villetta intermedia immette la sua colonna fecale in un pozzetto del suo giardino (rivelatosi nel tempo insufficiente per frequente tracimazione di liquami) e successivamente collegato ad un altro pozzetto con tubazione a valle incanalata nella mia fossa biologica. Lo stesso proprietario, nel tentativo di risolvere i frequenti intasamenti dei suoi pozzetti, ha poi raccolto le acque provenienti dalla cucina (lavello, lavastoviglie e lavatrice) in un terzo pozzetto del suo giardino che si innesta con braga nel suo tubo prima di entrare nella mia fossa biologica.
I reflui della mia villetta sono incanalati direttamente nella mia fossa biologica.

Devo chiarire che in nessuna delle villette esistono scarichi separati per le acque di cucina etc che dovrebbero essere degrassate a monte dell’entrata in fossa biologica.

Nel tempo solo la villetta intermedia (nella quale abitano stabilmente sei persone che ricevono nel corso della giornata altri amici e parenti, nonché la famiglia della figlia del proprietario per tre mesi d’estate e anche per lunghi periodi nelle feste invernali) ha subito problemi di intasamento.

La villa capofila suddetta è abitata da due persone che fanno uso di lavastoviglie, mentre la mia da me e mia moglie che da vent’anni abbiamo abbandonato l’uso di lavastoviglie. Le nostre abitazioni non hanno mai avuto problemi di tracimazione né di intasamento.

Al di là di quanto già fatto nel corso degli anni relativamente a sturamenti, pulizie tombini e espurgo da fossa biologica, vorrei sapere come va fatta la ripartizione delle spese e se è corretto che io mi faccia carico esclusivamente della terza parte della manutenzione solo della fossa biologica, mentre gli altri anche della pulizia e/o sturamento dei loro pozzetti oltra alla quota relativa alla mia fossa biologica.
Grazie per le ivicazioni che vorrete darmi.
Paolo
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Da quanto traspare dal resoconto si può così sintetizzare in merito alle spese per gli scarichi di qualsiasi genere:

-dalle singole "fosse/vasche" e fino alle condotte/canali pubbliche si ripartisce fra tutti coloro che sono alla stessa allacciati
-tutti i tratti a monte della fosse/vasche ad esclusivo carico del proprietario della canalizzazione.
-
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto