• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pingu5254

Membro Junior
Condòmino proprietario
Come già detto in altro quesito, il 31 agosto ci sarà un'assemblea straordinaria autoconvocata con all'ordine del giorno un solo punto: revoca dell'incarico all'attuale amministratore e nomina di un nuovo amministratore con accettazione del relativo contratto di gestione.

Il gruppo di condòmini che ha avviato tale iniziativa e di cui faccio parte conta su una maggioranza di "teste" certa e di 450/1000 quindi necessitiamo di qualche altra adesione per arrivare al previsto quorum.

Da voci pervenute, sembrerebbe che potrebbe essere presentate altre proposte di nomina oltre a quella del mio gruppo che porteranno quindi ad un frazionamento delle preferenze.

Mi chiedo: se nessuna proposta raggiungerà il quorum (e stante quanto sopra detto e l'assenza certa di un condòmino che vale 153/1000, nessun'altra proposta oltre alla nostra potrà raggiungere il quorum) cosa succederà?

L'amministratore attualmente in carica resterà in carica "in prorogatio"?

E poi come agire: ricorrendo al giudice per la nomina di un nuovo amministratore?

O ci sono delle alternative percorribili?
 

pingu5254

Membro Junior
Condòmino proprietario
Ad integrazione di quanto sopra detto chiedo lumi su altra ipotesi che mi frulla in testa.

Se il presidente (cioè io) decidesse di forzare la mano e ritenere approvata la votazione che avrà la maggioranza "numerica" dei presenti e solo 450/1000, ponendo in essere chiaramente una delibera "annullabile", a cosa si espone in caso di ricorso di un condòmino al giudice ?

A carico di chi i costi di giudizio?

Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Ipotesi e domande a cui si è già risposto più volte.

Se viene approvata la revoca ma non si procede con una nomina resta in carica per la gestione ordinaria l'attuale mandatario (prorogatio imperii)

Se viene verbalizzata una nomina con maggioranza insufficente vi saranno 30gg di tempo per l'impugnazione (dal ricevimento del verbale per gli assenti).

Impossibile prevedere se e come il Giudice deciderà sulle spese.
 

pingu5254

Membro Junior
Condòmino proprietario
O.K. grazie dei chiarimenti.

Domani è il grande giorno: speriamo di riuscire a venire fuori da questa situazione.
 

pingu5254

Membro Junior
Condòmino proprietario
Benissimo, abbiamo revocato l'incarico al vecchio amministratore con 15 favorevoli su 17 e 767/1000.

I preventivi pervenuti erano poi 3 ed è passata la proposta del mio gruppo con 11 favorevoli su 18 e 566/1000.

E' iniziato un nuovo percorso per il condominio anche se, per tutta una serie di problematiche ereditate, l'inizio è veramente in salita: ma almeno abbiamo cambiato passo.

Grazie dei consigli e dell'interessamento.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Ottima notizia: ti auguro tutto proceda più serenamente, dopo un doveroso periodo di “assestamento”.
 

EnricoB

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Bene complimenti, stiamo facendo un percorso analogo pure noi, speriamo finisca allo stesso modo, per ora più soft, chiederemo la convocazione di una assemblea ordinaria, (recupero di quella bloccata) per poi non rinnovare mandato. Solo dopo il suo rifiuto o immobilismo allora procederemo con la straordinaria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Messaggi da Leggere

Alto