• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao a tutti, vi pongo una domanda su un argomento probabilmente già affrontato, ma in questo caso chiedo come interpretare il mio regolamento.
Allora, nel mio condominio gli alloggi al piano terra hanno un antistante giardino in uso esclusivo. Sono tutti di proprietà condominiale, ma per l'appunto in uso esclusivo all'alloggio cui ciascuno è connesso. Il regolamento dice che tali giardini hanno scopo puramente ornamentale e non possono essere adibiti ad altri usi che rappresentino disturbo per gli altri condòmini. E' vietato erigervi qualsiasi tipo di costruzione, anche provvisoria. è permesso di collocarvi solo quegli oggetti confacenti alla loro destinazione propria. Segue un elenco non esaustivo: panchine, vasi, aiuole, ombrelloni, etc.
La prima domanda è: un barbecue in muratura (di quelli in cemento che si trovano nei negozi di bricolage) risulta vietato, anche se non esplicitamente? E riguardo all'uso di un modello portatile (sempre con brace)? Rappresenterebbe comunque un uso difforme del giardino così come concepito dal regolamento? Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Un "giardino" non nasce con lo scopo di fare un falò od un barbecue.

Quindi si per il regolamento di condominio che già avete sia per le norme in materia di immissioni va escluso certamente manufatto quale un barbecue in cemento/muratura.
Quanto ai modelli "su ruote" si torna sulla questione immissioni: nulla impedisce di portarne uno...ma quanto a metterlo in funzione ti serve il placet di tutti i confinanti (meglio anche quelli extra-condominio).
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Un "giardino" non nasce con lo scopo di fare un falò od un barbecue.

Quindi si per il regolamento di condominio che già avete sia per le norme in materia di immissioni va escluso certamente manufatto quale un barbecue in cemento/muratura.
Quanto ai modelli "su ruote" si torna sulla questione immissioni: nulla impedisce di portarne uno...ma quanto a metterlo in funzione ti serve il placet di tutti i confinanti (meglio anche quelli extra-condominio).
Caro Dimaraz, grazie per la risposta, vorrei chiederti un ancora parere. Ho segnalato all'amministratore la presenza di barbecue in violazione del regolamento contrattuale. Non mi ha risposto per 20 giorni; mando allora una seconda PEC dove gli chiedo un cortese riscontro; mi risponde che si discuterà dell’argomento durante la prossima assemblea. Il punto è che in passato si è discusso molto ingenuamente su norme del regolamento; per esempio è stata concessa, con maggioranza semplice, l’autorizzazione a un proprietario per pavimentare il giardino, mentre il regolamento dice che deve esserci obbligatoriamente un prato inglese. All'epoca io non ero ancora proprietario. Il risultato è che ci troviamo un terrazzo in mezzo a tanti giardini. Ora io ho timore che l’amministratore voglia mettere ai voti la questione; perciò vorrei scrivergli fin da ora, e ti chiedo se sia la cosa giusta da fare, per “contestare” quella che mi sembra una prassi ovvero mettere ai voti cose già trattate regolamento, perché si possono generare incomprensioni e conflitti. I giardini sono pur sempre di proprietà condominiale e dunque parti comuni seppur in uso esclusivo, come scritto nel primo post, quindi di sua competenza. In alternativa, come dovrei prepararmi secondo te alla prossima assemblea quando si tratterà l'argomento, nel caso vogliano votare autorizzazioni.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
L'amministratore si è comportato correttamente.
Egli è responsabile delle parti comuni ma può certamente scaricare sull'assemblea una decisione relativa alla "gestione" della stessa.

Anche vi fosse un abuso rispetto a quanto stabilito dal regolamento di condominio per l'uso esclusivo di parti comuni...spetterebbe sempre all'assemblea decidere se e come rimediare al "reato".

Ps.
Nello specifico della "pavimentazione" ... piuttosto che all'amministratore devi interpellare il locale Ufficio Tecnico. Potrebbero esserci delle norme ben precise che impediscono di alterare la capacità di "assorbenza" minima del lotto condominiale.
Alternativa il contestare giudizialmente una "lesione all'uniformità estetica del Condominio"...ma sarebbe strada impervia ed in salita.
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Grazie. L'assemblea può autorizzare i barbecue in deroga al regolamento? E se sì, con quale maggioranza?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Per tutte le norme "regolamentari" (alias comportamento o uso di bene comune) l'assemblea può decidere a semplice maggioranza.
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Per utte le norme "regolamentari" (alias comportamento o uso di bene comune) l'assemblea può decidere a semplice maggioranza.
Sono confuso. Non è contrattuale la norma del regolamento che assegna l'uso esclusivo di un bene comune e disciplina tale uso ponendo diritti e limitazioni?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
La norma è "contrattuale" nel senso che solo una votazione all'unanimità (1000/1000 alias anche il detentore del diritto) potrà togliere tale uso.
Ma i "limiti" di utilizzo sono una questione regolamentare e li anche la maggioranza può modificare tale norma.
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
La norma è "contrattuale" nel senso che solo una votazione all'unanimità (1000/1000 alias anche il detentore del diritto) potrà togliere tale uso.
Ma i "limiti" di utilizzo sono una questione regolamentare e li anche la maggioranza può modificare tale norma.
Non sono d'accordo. La norma in oggetto, nel disciplinare l'uso del verde, stabilisce dei vincoli (anche molto stringenti oserei dire) che limitano il diritto individuale di godere pienamente del verde. Non dice solo cosa si può fare, dice anche cosa è vietato fare. Secondo me è necessaria l'unanimità sia per autorizzare in via eccezionale la collocazione di manufatti non consentiti (e dunque vietati), sia per modificare la norma qualora si intenda cancellare i divieti attualmente previsti.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Libero di avere la presunzione di "sapere"... ma allora che vieni a chiedere?

Sei sempre libero di contestare in Tribunale le tue "convinzioni"... poi magari torni e ci "illumini".
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Libero di avere la presunzione di "sapere"... ma allora che vieni a chiedere?

Sei sempre libero di contestare in Tribunale le tue "convinzioni"... poi magari torni e ci "illumini".
Non è con la lesa maestà che dai credito alla tesi da te espressa.
Presunzione? Mi sembra di essere stato molto educato e modesto nei miei commenti. Il tuo atteggiamento, piuttosto, non è certo consono al ruolo di moderatore.
Comunque, se mi sarà permesso, certamente posterò aggiornamenti sulla questione.
Saluti e buon lavoro.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non è con la lesa maestà che dai credito alla tesi da te espressa.
Nessuna "lesa maestà" .... ma non concepisco quanti vanno in un forum a porre una domanda su una materia (in cui evidentemente non hanno qualifica o preparazione alcuna) e poi se ne escono con frasette del tipo:
-io non sono d'accordo
-la Legge non dice questo
-è solo una tua opinione
-etc. etc.

Non sono io ad aver dubbi in materia e non serve che dia "credito" perchè è fin troppo semplice rovesciarti la questione:
dimostra tu che mi sbaglio.

Non sei il primo (e non sarai l'ultimo) che se ne esce con simili affermazioni... finora però nessuno è mai tornato dimostrando che quanto rispondevo era sbagliato.

Se e quando capiterà chiederò scusa.

Attendo "ansioso".
 
Ultima modifica:

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
No dai, "la Legge non dice questo" ed "è solo una tua opinione" io non l'ho mai scritto. Se ce l'hai con altri per queste frasi, non prendertela con me cortesemente e non mettere tutto in un calderone. Sulla preparazione, mi limito a dire che non mi conosci, non mi puoi giudicare, e tu fino a prova contraria non sei necessariamente più autorevole di altri, incluso me. In un forum ciò che conta è cosa si scrive e come lo si argomenta. Ho fatto una domanda, tu mi hai gentilmente risposto e apprezzo, tuttavia mi sorge qualche dubbio (penso sia normale, tra esseri pensanti) e cerco di esternarlo argomentando in maniera molto educata. Si discute, ci si scambia opinioni, non vedo cosa ci sia di male e di presuntuoso e soprattutto non comprendo la tua reazione inutilmente stizzita.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
e soprattutto non comprendo la tua reazione inutilmente stizzita.
Quando interagisci su un forum non puoi percepire lo stato d'animo degli altri perchè non tutti abbiamo lo stesso modo di esternare o curare la forma... e se ti fossi letto alcune discussioni precedenti avresti capito che il sottoscritto non si cura della "leziosità" e del "politically correct".

La replica che ti ho dato non vale per me stesso o perchè "io sono io e .." (cit. Sordi)
Io qui non mi sono mai presentato come "essere supremo infallibile" ...anzi invito sempre tutti a non dare credito per partito preso ma di verificare sempre.
Ma sarei stato ancora più "categorico" se ti fossi rivolto a quel modo nei confronti di un altro utente.

"la Legge non dice questo" ed "è solo una tua opinione" io non l'ho mai scritto.
Poni sempre attenzione a cosa scrivo:

ma non concepisco quanti vanno in un forum a porre una domanda su una materia (in cui evidentemente non hanno qualifica o preparazione alcuna) e poi se ne escono con frasette del tipo:
Non ho scritto "tu" ma ho usato un termine che comprende te ed altri ...quindi non ti ho addebitato parole che non hai scritto ma riunito le tue con quelle di altri.


Ps.
Se hai basi sufficenti di Diritto leggiti questa:

Corte di Cassazione sentenza n. 9681 del 6 maggio 2014.

Ti basta come "riprova"?
 

miocuggino

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Sulle frasi scritte da altri non continuo, prenditela con loro.
Ma nella sentenza da te citata si fa riferimento a un caso ove la non contrattualità della clausola è in realtà abbastanza chiara, in quanto detta clausola disciplinava l'uso di un bene comune con l'intento di garantirne il pari godimento a tutti. Non impediva l'uso a priori a nessuno, si limitava a stabilire delle priorità nel parcheggio a uso di tutti. Il caso che ti porto io è diverso nella sostanza. Come ti dicevo, una norma limita il diritto di un singolo di godere del bene in suo uso esclusivo. Credo che questa norma sia contrattuale. Tu no, amen. Cambio domanda: se questo giardino fosse stato di proprietà esclusiva, la norma che ne limita l'uso era contrattuale e dunque necessitava del consenso unanime per essere modificata rimuovendo tali divieti?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Uso esclusivo o proprietà privata nulla cambia.

Quanto alla sentenza (ne esistono tante altre) rispecchia il tuo caso: vincoli sulle modalità di uso fissati da un regolamento di condominio.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto