• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

matser

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Buongiorno a tutti.
Il nostro amministratore ha convocato, a sorpresa, un'assemblea straordinaria contro il parere di molti condòmini che avrebbero preferito aspettare (non ci sono urgenze tali da convocarla).
Stiamo quindi cercando possibili appigli per poter contestare la convocazione della stessa.
Vi faccio alcune domande:

1 - La prima convocazione, la classica fittizia, è stata fatta specificando un luogo non a norma per il Coronavirus (lo studio dell'amministratore). E' contestabile?

2 - Ha deciso di convocarla nel "cortile condominiale". Nella convocazione non ha specificato il cortile condominiale del nostro condominio, dandolo per scontato. E' contestabile?

3 - Il più importante. Abbiamo in ballo delle questioni con avvocati contro un'attività gestita da gente "pericolosa". Temiamo che, con l'assemblea in cortile, questi possano affacciarsi e sentire chi dice cosa, con magari conseguenze non bellissime per gli interessati. Nelle assemblee partecipa il proprietario di questo immobile, che sta litigando anch'egli con i suoi affittuari, per cui lui sicuramente non ha mai fatto la spia in assemblee standard.

Grazie per l'aiuto
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Dott. MM ha scritto sul profilo di gavino.
Carissimo,
Ho letto il Suo ultimo quesito sul forum, molto interessante come spunto di riflessione.
Alto