• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Annare'

Membro Junior
Inquilino / Conduttore
La questione e' di natura fiscale e consiste nell'avere ricevuto (accordata e pagata) nel 2019 una fattura di acconto di Euro 1000,00 non soggetta a IVA ne' a ritenuta fiscale, in quanto il nostro amministratore per quell'anno era in regime forfettario.
Nel 2020, non rientra piu' nel forfettario quindi e' passato in regime ordinario.
Ha emesso una fattura di saldo detraendo dall'imponibile non i 1000,00 euro ma una cifra piu' bassa cioe' 854,00 euro (piu' o meno e' come se avesse scorporato l'IVA dalla fattura di acconto)
Poiche' io ho fatto la contabile penso che la sua versione non sia corretta, pero', dal momento che non lavoro piu' da anni, metto sempre in dubbio che siano uscite nuove normative che non conosco.
Mi potete aiutare voi? Grazie a chi mi sapra' rispondere
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto