• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Vionese

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno . Sono proprietario di un sottotetto, rustico, al secondo piano e di un appartamento al piano primo , i proprietari dell'appartamento al piano rialzato hanno pitturato la facciata corrispondente al loro appartamento senza nessuna comunicazione al sottoscrito e anche con evidente scrostatura di un tratto di rivestimento sulla rimanente facciata , ora si vede nettamente la differenza della parte sotto con la parte più alta su tutto il perimetro della casa e fa ribrezzo, ( premetto che io non abito in quel contesto ma ho gli inquilini e mi sono accorto solo alcuni mesi dopo che hanno fatto questo lavoro).
Posso imporre ai proprietari dell'appartamento sotto di pitturare tutte le facciate per rendere il colore omogeneo? in base a quale legge? e con quali modalità? " 2 Foto allegate "
Altro quesito: Come si vede da una foto allegata , hanno anche aggiunto un'inferriata ad una finestra la quale sporge sul marciapiede comune ad entrambi ed altera il decoro . Posso chiederne la rimozione? con quale modalità? in base a quale legge?
Grazie.
 

Allegati

  • 20210628_112242.jpg
    20210628_112242.jpg
    292 KB · Visite: 16
  • 20210628_112329.jpg
    20210628_112329.jpg
    228 KB · Visite: 14

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non ho capito le tue "pretese" sulla pitturazione.
Siete un Condominio "minimo" (2 proprietari) evidentemente non "regolarizzato" (codice fiscale, amministrazione/amministratore, etc)...loro hanno fatto manutenzione a quella che ritenevano di loro competenza.
Non hai precisato se ti avessero chiesto di fare il lavoro su tutto lo stabile, non spieghi in che rapporti siete...ora non ti resta che fare a tue spese la tua parte di proprietà.

La inferriata è legittima.
 

Vionese

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Non ho capito le tue "pretese" sulla pitturazione.
Siete un Condominio "minimo" (2 proprietari) evidentemente non "regolarizzato" (codice fiscale, amministrazione/amministratore, etc)...loro hanno fatto manutenzione a quella che ritenevano di loro competenza.
Non hai precisato se ti avessero chiesto di fare il lavoro su tutto lo stabile, non spieghi in che rapporti siete...ora non ti resta che fare a tue spese la tua parte di proprietà.

La inferriata è legittima.
Riguardo all'inferriata l'hanno messa sporgente dalla facciata ed il terreno sotto è di proprietà mia e sua, ma a me non hanno chiesto nessun permesso; è come se avessero costruito un balcone sopra la proprietà comune senza il permesso dell'altro proprietario e mi sembra che non lo possa fare giusto?
Riguardo alla pitturazione ( non c'è il codice fiscale del condominio e non c'è l'amministratore ) non mi hanno chiesto di fare il lavoro, lo hanno fatto a mia insaputa e così altera il decoro dell'edificio , come si può vedere dalle foto.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
e mi sembra che non lo possa fare giusto?

"Ti sembra"???!!!...basandoti sulla conoscenza di norme o sulla base delle tue idee?

La sporgenza è limitata ed irrilevante, non crea ostacolo e rientra nel diritto del condòmino/comunista.

L'unica lesione al decoro è la mancanza di manutenzione delle pareti perimetrali del piano superiore...quello dove abiti tu.

Ti consiglio di procedere quanto prima altrimenti il proprietario inferiore potrebbe accusarti di subire danno da infiltrazione oltre che lesione al decoro.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Vionese non può rivendicare diritti, ma non merita risposte piccate.
È un dato di fatto che il vicino si sia comportato in modo arrogante: la convivenza e l’educazione richiederebbero rapporti diversi.
Certamente il vicino aveva diritto di intervenire: ma educazione chiedeva proponesse l’intervento congiuntamente col condòmino.
E non sono poi così certo che le pareti perimetrali possano considerarsi separatamente. Fino a prova contraria sono pareti in comune: e in un condominio normale con amministratore , dove non sussistono posizioni di forza, arriverei a dire che uno ha eseguito (fatto eseguire) lavori non approvati da una assemblea e quindi non ha diritto a farsi riconoscere il rimborso.
Mentre il nostro potrebbe chiedere di intervenire sul resto della facciata comune e dividere per millesimi la restante spesa.
Purtroppo quando si è solo in due, …
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
quindi non ha diritto a farsi riconoscere il rimborso.
Non mi pare sia stato chiesto alcun rimborso.
E non escluderei che la richiesta di tinteggiare tutta la palazzina congiuntamente fosse stata presentata in passato; anche per quelli sotto avere metà palazzina in ordine e metà no non sarà il massimo...magari hanno sperato di fare tutto insieme , e hanno atteso invano un assenso che non è mai arrivato...
Certo con due soli condòmini, i rapporti dovrebbero essere migliori, e improntati al buon senso; ma non conosciamo i dettagli.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Reiterare una domanda pretestuosa merita risposte garbatamente "piccate".
Fino a prova contraria le cose in comune si dividono in proporzione alle evidenze ...quindi nei fatti il comproprietario sotto ha agito nei limiti della norma.

Proprio perché nessuno ha la sfera magica ma dato il tenore della domanda e le foto mostrate non si può escludere un disinteresse.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Non mi pare sia stato chiesto alcun rimborso.
Facevo un parallelo con quanto succederebbe in un normale condominio
E non escluderei che la richiesta di tinteggiare tutta la palazzina congiuntamente fosse stata presentata in passato;
se ti riferisci a discussioni precedenti, non ne sono a conoscenza. Stando a quanto affermato in questa, non risulterebbe.
nei fatti il comproprietario sotto ha agito nei limiti della norma.
Ni
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Neanch'io, ma mi è più facile immaginare che prima di tinteggiare il solo piano sotto, con risultato estetico comunque non ottimale, sia stato proposto di tinteggiare tutto insieme.
Ma sembra che proprio questa mancanza sia l’oggetto del risentimento.
Certo conosciamo una campana sola, ma non stento a credere esistano certi perdonaggi
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Vionese non può rivendicare diritti,

L'ignoranza è ammessa... l'incoerenza mai.

Se non può rivendicare diritti significa che non ha subito torti quindi non esiste "ni" che valga.

Poi chi si presenta con affermazioni simili:

Posso imporre ai proprietari dell'appartamento sotto di pitturare tutte le facciate
Traduco: i vicini debbono pagare i lavori su parti altrui dopo aver pagato i propri...non servono ulteriori commenti.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L'ignoranza è ammessa... l'incoerenza mai.
Allora ti scuso l’ignoranza.
Il Ni era riferito al caso generale e non al caso specifico: forse ti piace far finta di non averlo capito. Ma visto che perseveri in una affermazione priva di fondamento,

i vicini debbono pagare i lavori su parti altrui dopo aver pagato i propri...non servono ulteriori commenti.
i vicini hanno pagato i lavori su parti comuni: non può definire proprie le parti al primo piano di una facciata comune, solo perché è proprietario del 1’ piano Che poi in due la spesa si divida sempre a metà è un conto: ma la Si decide assieme.
Non abbiamo elementi per affermare che ciò sia stato disatteso.
Prova a immaginare il caso generale di un condominio di N piani…
ps: con ciò concordo che le pretese del postante eccedano dal ragionevole. (anche se formalmente, come ho scritto, in una realtà più numerosa, potrebbe benissimo non essere riconosciuto il lavoro non autorizzato, e richiesto al soggetto del 1’ Pino , di contribuire a completare l’opera) .
Sarà il caso che depongano le armi e usino il buon senso
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Il Ni era riferito al caso generale e non al caso specifico
Peccato che la mia fosse una risposta specifica e diretta... quindi risparmia l'arrampicata sugli specchi.

Sarebbe interessante vedere quando capita sulla propria pelle se le risposte "a vanvera" date agli altri valgano anche per se stessi.


Che poi in due la spesa si divida sempre a metà è un conto:

Ancora inesattezze a vanvera...casomai la spesa in ambito condominiale si divide per millesimi.
E nel caso specifico chi possiede il piano superiore paga il maggior valore piano...salvo che si convenga per un "volemose bene e facciamo alla romana".
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
quindi risparmia l'arrampicata sugli specchi.
Nessuna arrampicata: come si configurava la situazione “descritta”, l’avevo espressa al post #6
E nel caso specifico chi possiede il piano superiore paga il maggior valore piano...
Questa Si che è una arrampicata sugli specchi di “filosofi del condominio” : la maggioranza delle tabelle millesimali assegna pari millesimi s parità di superficie. Figuriamoci pui in una palazzina con due appartamenti sovrapposti.
Pece e bene…
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
la maggioranza delle tabelle millesimali assegna pari millesimi s parità di superficie.

Quando l'età supera certi limiti qualcuno vaneggia:
1)affermare di conoscere "la maggioranza dei Regolamenti Condominiali...no comment.
2)Uno dei parametri che vengono considerati in tema di valutazione millesimale è l'altezza piano (tanto che pure commercialmente il piano superiore vale di più).

Se poi si prestasse attenzione al resoconto iniziale...
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Quello del primo piano possiede anche il "sottotetto al rustico", per quel che vale.
Certo: intanto bisogna sapere se il sottotetto è praticabile o è solo un vano tecnico. Poi sapere se il giardinetto è rimasto di esclusiva proprietà del PT.
Che la via corretta sia di dividere per millesimi è fuori discussione: solo un azzeccagarbugli ne fa oggetto di discussione.
Nella pratica invece non sappiamo come è nato quel condominio, e se preliminarmente è stato redatto un regolamento di condominio contrattuale. Perché i criteri per attribuire i millesimi, come entrambi sapete, sono piuttosto soggettivi, non fanno capo ad alcuna norma cogente: quindi attribuire un coeff differenziato per altezza di piano è opinabile: se la tabella è stata predisposta contrattualmente dal costruttore/venditore non si discute. Ma se questa non esisteva, sarà piuttosto difficile che i due si accordino per attribuire millesimi differenziati.
Dalla descrizione propendo nel pensare che non esista regolamento di condominio, tabella millesimi ecc.
E convengo che apparentemente siamo al cospetto di due individui che non sanno vivere “in condominio”.
Ripeto: la parete laterale del fabbricato è da considerarsi comune o di proprietà esclusiva (in altezza)?
Il resto sono chiacchiere in libertà
 

Vionese

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Riguardo all'inferriata l'hanno messa sporgente dalla facciata ed il terreno sotto è di proprietà mia e sua, ma a me non hanno chiesto nessun permesso; è come se avessero costruito un balcone sopra la proprietà comune senza il permesso dell'altro proprietario e mi sembra che non lo possa fare giusto?
Riguardo alla pitturazione ( non c'è il codice fiscale del condominio e non c'è l'amministratore ) non mi hanno chiesto di fare il lavoro, lo hanno fatto a mia insaputa e così altera il decoro dell'edificio , come si può vedere dalle foto.
Come fa ad essere legittima l'istallazione di un'inferriata che sporge 40 cm dal muro ed all'altezza di 190 cm da terra? Come ho già detto il terreno è di proprietà comune fra tutti e due in quanto è un passaggio per accedere ai box che si trovano nel retro della casa; se dovessi passare con un furgone o con un camper sarebbe di ostacolo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto