• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Annare'

Membro Junior
Inquilino / Conduttore
Nel nostro condominio abita ed esercita la sua professione, nel medesimo appartamento , il nostro amministratore. In caso di accesso al superbonus 110 o 90 o quello che decidera' il nuovo governo, lui potra' avvalersi del solo 50% della detrazione, come mi pare di aver capito leggendo la risposta dell'ADE all'interpello 198 del 22 marzo 2021?
Se lui non comunicasse tale particolarita' all'impresa, che farebbe al condominio lo sconto in fattura del 100%, cosa puo' accadere se ci fosse un controllo da parte dell'amministrazione finanziaria?
Potremmo andarci di mezzo anche noi altri condòmini? Potrebbe venirci revocato il credito?
Grazie come sempre per la vostra consulenza.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Premesso che l'interpello citato è relativo ad un caso dove l'immobile era una unità immobiliare unifamiliare di cui 1 solo ambiente utilizzato come attività professionale (***) mentre il vostro è un Condominio...ne ricavo, come già avviene in ambito degli altri bonus, le seguenti direttive:
-essendo un edificio a prevalente utilizzo abitativo il Condominio ha diritto ad usufruire del SuperBonus
-il proprietario dell'unità a parziale uso promiscuo ha l'onere di partecipare alle spese per le parti comuni e in "ossequio" al caso citato può godere del 100% delle agevolazioni previste...mentre per gli eventuali "lavori trainati" relativi alla sua proprietà il beneficio si riduce del 50%.
-in caso di irregolarità per errata/mancata comunicazione che determina l'impossibilità di accedere (in tutto od in parte) al bonus relativamente ad una "proprietà privata" il Condominio è fatto salvo dalle conseguenze e/o avrà diritto di rivalsa nei confronti del "reo".

Ciò premesso è opportuno considerare l'estrema aleatorietà in ambito di una normativa nata sbagliata e continuamente modificata persino peggio.

(***) Limitatamente al punto richiamato evidenzio l'idiosincrasia dell'equazione postulata che non rapporta l'accesso proporzionalmente all'uso.
Fare 50/50 è cosa degna di un frequentatore di osteria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto