• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Paulinette

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Vivo in condominio e vorrei mettere i pannelli solari per mio uso, amministratore mi ha detto che indicativamente ho a disposizione 17 mq, i miei pannelli ne occupano meno dando la possibilità ad altri condòmini se lo volessero di metterli, la ditta che ho scelto mi chiede un'autorizzazione dell'amministratore anche se io in rete ho letto che non alterando la struttura ed il decoro del tetto non servirebbe, ho mandato mail ad amministratore che non ha risposto, le domande che ho sono quanto tempo devo aspettare la risposta dell'amministratore e cosa devo fare se non dovesse arrivare? Ho il sospetto che l'amministratore voglia fare ostruzionismo e quindi vorrei capire come muovermi per non essere bloccata per mesi e mesi. Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
la ditta che ho scelto mi chiede un'autorizzazione dell'amministratore

Cambia ditta o minaccia di farlo.

Non hanno potere per chiederti una autorizzazione di un amministratore che non vale nulla e che lo stesso è saggio non dia.
Solo l'assemblea ha il potere di concedere autorizzazione ...ma i contrari potrebbero sempre contestare ed bloccare i lavori.
 

queenann

Membro Junior
Condòmino proprietario
L'amministratore è assunto dal condominio per l'amministrazione (pagamenti, riscossioni), per far rispettare il regolamento condominiale stabilito dall'assemblea e come rappresentante legale del condominio stesso avanti imprese, fornitori e organi istituzionali.
L'amministratore non è un Padreterno che decide, dispensa autorizzazioni, permessi o altro. L'amministratore non è proprietario degli spazi comuni. Al massimo può consigliare un condòmino, come ha fatto in questo caso.
La ditta non ha alcun diritto di chiedere autorizzazioni da chi non può darle perchè non ha i poteri. Quindi non vedo ostruzionismo da parte dell'amministratore ma semplicemente professionalità cioè conoscenza di quello che può fare e quello che non può fare.
Detto questo, la ditta vuole forse cautelarsi (in modo sbagliato) contro eventuali proteste ignorando che non deve fare altro che eseguire, a regola d'arte, quello per cui viene comandata e pagata.
Chi non è d'accordo o ritiene di averne danno (cioè non poter a sua volta fruire dello spazio comune) se la deve prendere con il proprietario/committente, spero a ragion veduta.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto