• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

rosario1

Nuovo Iscritto
Altro Lavoratore
Vorrei sottoporre all’attenzione degli amministratori un quesito. Sono proprietario di due locali commerciali situati in uno stabile composto da tre locali e dieci appartamenti. La maggioranza dei condòmini ha instaurato una causa legale contro un’attività commerciale presente nel terzo locale “non nei miei”. Sin dall’inizio quando hanno manifestato l’intenzione di procedere legalmente contro la medesima per rumori molesti io mi sono dichiarato contrario in quanto non essendo residente nello stabile non risentivo dei rumori prodotti dall’attività. ( Premesso che sono stati fatti tutti i controlli del caso da parte degli enti preposti e i rumori rientrano nella norma ). Arrivo al dunque.. Loro sostengono che essendo la maggioranza io debba partecipare alle spese legali. Hanno ragione o posso rifiutarmi ? E cosa devo fare per far valere i mie diritti .

Grazie a coloro che vogliono contribuire con una risposta.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non hai alcun obbligo di "partecipare" ad una causa legale e alle relative spese ...purché tu non abbia votato a favore e notificato il tuo dissenso alla lite e relative spese (meglio se con Raccomandata RR, o che la cosa risulti nel verbale.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Per maggior chiarezza quanto sopra vale per le spese legali che il Condominio debba rifondere alla controparte in caso di soccombenza.
I costi per l'avvocato del Condominio, qualora non "ottenuti" dalla controparte, sono comunque anche a tuo carico.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
I costi per l'avvocato del Condominio, qualora non "ottenuti" dalla controparte, sono comunque anche a tuo carico.
Premesso che non è la prima volta che affrontate questo argomento, questa, per me, è una vera stranezza: presumo possa risultare da due casi)
1) Il condominio esce vittorioso
2) Il condominio esce soccombente

Presumo che la risposta virgolettata, si riferisca al primo caso: ora sarebbe comprensibile che il condòmino estraneo alla causa debba contribuire alle spese legali sostenute dal suo condominio se del vantaggio che risulterà dalla sentenza ne godrà anche lui. Meno se il vantaggio risultante potesse essere soggetto a godimento separato. (ad esempio la suddivisione di un indennizzo monetario)

Poco comprensibile invece nel caso di soccombenza del condominio.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto