• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

R.Zaga

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno,
da qualche mese ho acquistato un appartamento ed un posto auto scoperto di nuova costruzione distintamente censiti in Catasto nelle categorie A2 e C6.
L'acquisto è stato preceduto da un regolare contratto preliminare registrato all'Agenzia delle Entrate prima ancora che iniziassero i lavori per la costruzione (praticamente sulla carta !). A detto contratto erano allegate le planimetrie evidenziate in colore rosso sia dell'appartamento sia del posto auto a pettine davanti al quale non erano disegnati altri posti auto.
Qualche giorno fa il costruttore ha delimitato con della vernice sull'asfalto un posto auto di fronte al mio riducendo, purtroppo, lo spazio di manovra che avevo a disposizione e, in seguito ad una consultazione in Catasto ho verificato che il posto auto, spero non a norma, è stato accatastato dal costruttore quando era ancora unico proprietario, prima ancora di rogitare con il primo degli acquirenti e quindi in assenza di un Condominio costituito.
Poichè il d.m. 1 febbraio 1986, al Punto 3.6.3 ricorda che le corsie di manovra devono consentire il facile movimento degli autoveicoli e devono avere ampiezza non inferiore a 5 m nei tratti antistanti i posti auto ortogonali alla corsia, la domanda che vorrei porre è la seguente: tale d.m. è valido solo per i posti auto pubblici oppure è applicabile anche per i posti auto "scoperti" condominiali?
Grazie
R. Zaga
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Quesito su quale rispondo col beneficio del dubbio.

A rigor di logica alle aree private non si applicano le norme previste per quelle pubbliche...siano esse strade o parcheggi.
Un "tutore dell'ordine" mai potrà sanzionare le infrazioni in aree private...quindi potreste parcheggiare anche fuori dalle linee.

Esistono norme cogenti anche in ambito privato, in particolare quelle ai fini sicurezza incendi (Vigili del Fuoco) che impongono certe misure di sicuro in aree interne di edifici (rampe e box)...ma no credo per zone a cielo aperto e lontano da edifici.
 

R.Zaga

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Parcheggiare fuori dalle linee non è possibile in quanto vige un regolamento di condominio che vieta la sosta di autoveicoli negli spazi comuni e quindi nelle aree di manovra.
Dovrà pur esserci una norma che regolamenti detti spazi, altrimenti il costruttore avrebbe potuto circoscrivere il nuovo posto auto, per ipotesi, anche a due metri dal mio.
E poi, non dovrebbe rispettare la planimetria allegata al contratto preliminare di vendita? Io ho scelto di acquistare quel posto in virtù del fatto che sul disegno l'area di manovra era ampia.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
La presenza di una norma sul vostro regolamento di condominio ne impone il rispetto...ma rimane un'arma spuntata se non fosse previsto un sistema sanzionatorio a "norma di Legge" (e mai potrebbero agire in vostra vece le forze dell'ordine).
Quanto alla diversità fra quanto pattuito in atti/disegno e quanto poi realizzato puoi certamente provare a "contestare" le difformità delle tue parti private...meno agevolmente quelle sulle parti restanti...ma in caso di mancata risposta dovresti iniziare una causa contestando la difformità...con esito tutt'altro che scontato.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto