• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
ABBIAMO DELIBERATO LA SOSTITUZIONE DEGLI 8 PORTONI DI ACCESSO ALLE SCALE DEL CONDOMINIO.
OGNI FORNITORE A CUI HO CHIESTO DEI PREVENTIVI DICE LA SUA CIOE' CHE LA SPESA E' DETRAIBILE, CHE NON LO E' PERCHE' L'AMBIENTE NON E' RISCALDATO', CHE NON E' POSSIBILE AVERE LO SCONTO IN FATTURA.
A MIO PARERE LA SOSTITUZIONE DEI PORTONI RIENTRA TRA GLI INTERVENTI PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO DI CUI ALL'ART.16 BIS, COMMA1 LETT.A) E B) DEL TUIR DATO CHE LA SOSTITUZIONE VIENE FATTA NELLE PARTI COMUNI DELL'EDIFICIO, CIOE' NELLE 8 SCALE DI ACCESSO AL CONDOMINIO E L'ART.1117 DEL CODICE CIVILE, PREVEDE, TRA L'ALTRO, AL N. 1 TRA LE PARTI COMUNI DELL'EDIFICIO I PORTONI DI INGRESSO. QUINDI LA SPESA SOGGIACE ALLA DETRAZIONE FACENDO IL BONIFICO PARLANTE. COSI COME L'IVA DA APPLICARE DEVE ESSERE AL 10% AI SENSI DELL'ART. 7 COMMA 1 LETT.B DELLA L.23.12.1999 N. 488 E CIRCOLARE AG. ENTRATE N. 247/E DEL 29.12.99.
COSA NE PENSATE?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Che è il "committente" a dover richiedere l'applicazione di particolari agevolazioni/bonus fiscali assumendosene in prima istanza la responsabilità.

In linea di principio vale quanto hai espresso: manutenzione straordinaria su parti comuni quindi IVA agevolata (nella formulazione del "Bene Significativo") ed eventuale Bonus.

Ps.
Scrivere tutto in Maiuscolo equivale ad urlare...correggi i "toni" ...ci sentiamo e/o leggiamo benissimo;)
 

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Che è il "committente" a dover richiedere l'applicazione di particolari agevolazioni/bonus fiscali assumendosene in prima istanza la responsabilità.

In linea di principio vale quanto hai espresso: manutenzione straordinaria su parti comuni quindi IVA agevolata (nella formulazione del "Bene Significativo") ed eventuale Bonus.

Ps.
Scrivere tutto in Maiuscolo equivale ad urlare...correggi i "toni" ...ci sentiamo e/o leggiamo benissimo;)
Devo essere io come amministratore a dire alla ditta di fatturare con l'aliquota agevolata del 10% citando l'art.7 comma 1 lett. b della legge 23.12.99 n.488?
c'è un modello ?
Grazie
 

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
No a titolo gratuito. Gestisco un condominio di 96 alloggi e come puoi immaginar, oltre a tutte le incombenze : bilancio, consuntivo, contratti con le ditte operanti con il condominio anagrafe condominiale, trasmissione all'agenzia delle entrate le comunicazioni per lavori soggette a detrazioni fiscali , dichiarazione per certificazioni uniche, 770 etc .etc. Oltre a cio' ho fatto la polizza per R.C.,a mie spese, seguo anche se non è obbligatorio il corso annuale di aggiornamento di amministratore condominiale a mie spese.Come puoi immaginare c'è un pò di lavoro da fare che non si può a titolo gratuito. Mi sono rivolto ad un caaf che ha provveduto ad iscrivermi all'inps - gestione separata ed ogni fine anno mi fa il cedolino su cui pago l'inps a mio carico, Inail e IRPEF.
 

Abbruno

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Non conosco gli articoli di legge...ma se è vero che è possibile passare al 110 l'isolamento del tetto su solaio non riscaldato....dovrebbe passare anche la sostituzione dei portoni di ingresso al vano scale non riscaldato....purtroppo no. mi dicono che non passano...
Altrimenti dovrebbero passare anche l'isolamento delle pareti verticali dei box al piano terra ed eventuale sostituzione di basculanti....
 

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Scusa non c'entra il 110% .Essendo parti comuni soggiacciono alla detrazione del 50% e l'aliquota IVA è del 10% dato che gli interventi di cui all'art. 3 , 1° comma lettere a)e b) del dpr 380/2001 ( rispettivamente manutenzione ordinaria e straordinaria) sono realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa ai sensi dell'art. 7 della legge 488/99
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto