• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Virgo76

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buogiorno a tutti,


L'assemblea condominiale ha approvato i lavori straordinari delle facciate usufruendo del bonus 90%.
Purtroppo alcuni condòmini non hanno versato le quote e nella successiva assemblea non è stato trovato un accordo per il recupero delle quote dei condòmini morosi(nessuno vuole accollarsi le quote).
Il nostro amministratore, di sua iniziativa, ha contattato l'azienda che svolgerà i lavori e ha concordato che le quote dei morosi verranno recuperate dall'azienda stessa.
L'accordo stipulato dall'amministratore posso ritenerlo valido anche in assenza di un approvazione dell'assemblea condominiale?
Ringrazio anticipatamente
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Spero che la "cessione" del credito sia concordata.
Se lla postante ha scritto correttamente, io non intenderei che qui si parli di cessione del credito, ma di una azione diretta da parte del fornitore ad escutere le quote a credito, direttamente nei confronti dei condòmini morosi: se così fosse, la prassi non mi sembra anomala: lo stabilisce il codice civile.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
io non intenderei che qui si parli di cessione del credito, ma di una azione diretta da parte del fornitore ad escutere le quote a credito,
La "fino a completa escussione del moroso" riguarda debiti "perfezionati...cosa che non può dirsi per le quote di costituzione di un "fondo" preventivo ai lavori.

Ps.
Gli avatar erano "mascherati" per le feste ...mascherine per proteggere dalla "neve cadente".
Finita la tormenta tolte le mascherine.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto