• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

velena

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Buongiorno, avrei un problemino da risolvere:
lo scorso febbraio, nel condominio dove risiedo, si sono staccati alcuni mattoni da un muretto di confine che delinea il perimetro del palazzo. Ho immediatamente contattato l'amministratore, il quale non ha preso alcun provvedimento sostenendo che non fosse pericoloso per i condòmini e che ne avremmo discusso all'assemblea di maggio. Pochi giorni prima del'assemblea, alcuni condòmini hanno fatto ripristinare il muretto danneggiato di loro iniziativa e che per risparmiare non si erano fatti rilasciare alcuna fattura, senza chiamare ne l'amministratore e senza interpellare gli altri condòmini. Ho chiesto all'amministratore se fosse stato lui a commissionare il lavoro e la risposta è stata negativa e che anzi era molto offeso da tale comportamento. Ora l'amministratore mi chiede il pagamento della mia quota della spesa e io sto cercando in tutti i modi di farmi visionare la fattura del lavoro, ma lui si nega, non risponde al telefono, non vuole incontrarmi e ignora le mie mail. Come faccio? Pago e basta? Grazie
 

velena

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
ciao dolly2015, chiaramente il lavoro non è stato discusso in assemblea in quanto è stato fatto eseguire arbitrariamente da alcuni condòmini alcuni giorni prima dell'assemblea. In questo condominio siamo tutti proprietari, non ci sono appartamenti in affitto. In effetti non sono stata molto chiara, vorrei sapere se l'amministratore, che non può dimostrare questo lavoro perchè non ha nè preventivi nè tantomeno fattura, è in diritto a chiederene il pagamento?
 

dolly2015

Membro Junior
Commercialista
Anzitutto, dal tuo profilo si legge "Inquilino / Conduttore", ecco il perché della mia domanda circa la tua posizione nei confronti del condominio.
Se dunque i condòmini (senza autorizzazione dell'amministratore) hanno provveduto a ripristinare il muretto, bene hanno agito qualora effettivamente si sia trattato di spesa urgente, a tutela delle parti comuni (v. art. 1134 c.c.). D'altro canto, anche l'amministratore bene avrebbe agito, ma con l'obbligo comunque di riferirne nella prima assemblea (v. art. 1135 c.c. ult.co.), esibendo opportuna documentazione al riguardo.
In ogni caso, quindi, in qualità di condòmino, hai tutto il diritto (più volte sancito dalla giurisprudenza) di chiedere di prendere visione dei documenti comprovanti l'intervento per il quale viene richiesto il pagamento, ovvero dei giustificativi di spesa.
 

velena

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
grazie mille, era proprio questo che intendevo. A prescindere che non era un lavoro urgente, comunque io ho solo chiesto di visionare la fattura, l'amministratore si rifiuta, non vuole darmi un appuntamento e si fa negare al telefono. Ecco un comportamento quantomeno discutibile. Comunque grazie ancora, vuol dire che insisterà il mio legale.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto