• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

antonino.repaci

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno,
il mio condominio è un edificio di 7 piani e 54 condòmini, divisi su 2 scale. Approvato il rifacimento della copertura del terrazzo e delle pluviali, una volta scelta la ditta ecco che si propongono nuove spese. Inizialmente quella di recupero delle facciate con interventi conservativi e di ripristino delle parti deteriorate. Si invitano i proprietari che lo vogliono a prendere contatto con la ditta per il rifacimento delle parti "private", cioè i balconi (ringhiera, pavimento, sottocielo). All'inizio si paventava un contratto privato tra condòmino e ditta, dopo un mese però con una nuova riunione si decide di intervenire come condominio. E' corretto impormi l'intervento sulla mia parte privata? In più obbligandomi con la stessa ditta che ha solo vinto per un altro tipo di intervento? Ad oggi, contro il mio parere mi sono visto cambiare l'inferriata del balcone e rifare il sottocielo del balcone superiore. Possono? Ah, per la parte millesimale, si sono raggiunti i 416 millesimi, mentre io so che per intervenire sulle parti private occore ragfgiungere 1000. Grazie per qualunque risposta che sarà in grado di sbrogliare la matassa.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
1)E' corretto impormi l'intervento sulla mia parte privata?
2)In più obbligandomi con la stessa ditta che ha solo vinto per un altro tipo di intervento?
3)Ad oggi, contro il mio parere mi sono visto cambiare l'inferriata del balcone e rifare il sottocielo del balcone superiore. Possono?

Ah, per la parte millesimale, si sono raggiunti i 416 millesimi, mentre io so che per intervenire sulle parti private occore ragfgiungere 1000
1)No.
Ma se vi fossero validi motivi di decoro o pericolo il ricorso alle vie legali li vedrebbe vincenti con ovvio aggravio di costi e spese a tuo sfavore.

2)No
Ma anche qui devi valutare cosa ti convenga.
Lavori su parti esterne di parapetti implicano l'uso di impalcature "a norme"...e, salvo altri problemi, solitamente sarebbe economicamente svantaggioso procedere con un intervento in autonomia.

3)Vedi punto 1)...ma con qualche perplessità in più.

Di fatto gli altri nulla possono decidere sulla tue parti private.
L'unanimità significa che anche tu sei concorde ma ognuno decide per il proprio.

Con 416 millesimi la delibera che assegna i lavori sulle parti comuni è valida ma impugnabile nel termine di 30 gg dal voto per i contrari e gli astenuti...e dalla data di ricezione per gli assenti.

E' "nulla" la delibera che decide opere su parti private ed in quanto tale sempre impugnabile.

Se intendi contestare, e non sono decorsi i termini (per le parti comuni) devi rivolgerti ad un legale che inizierà dal "mediatore".
 

antonino.repaci

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
1)No.
Ma se vi fossero validi motivi di decoro o pericolo il ricorso alle vie legali li vedrebbe vincenti con ovvio aggravio di costi e spese a tuo sfavore.

2)No
Ma anche qui devi valutare cosa ti convenga.
Lavori su parti esterne di parapetti implicano l'uso di impalcature "a norme"...e, salvo altri problemi, solitamente sarebbe economicamente svantaggioso procedere con un intervento in autonomia.

3)Vedi punto 1)...ma con qualche perplessità in più.

Di fatto gli altri nulla possono decidere sulla tue parti private.
L'unanimità significa che anche tu sei concorde ma ognuno decide per il proprio.

Con 416 millesimi la delibera che assegna i lavori sulle parti comuni è valida ma impugnabile nel termine di 30 gg dal voto per i contrari e gli astenuti...e dalla data di ricezione per gli assenti.

E' "nulla" la delibera che decide opere su parti private ed in quanto tale sempre impugnabile.

Se intendi contestare, e non sono decorsi i termini (per le parti comuni) devi rivolgerti ad un legale che inizierà dal "mediatore".
Grazie per la celere risposta. in effetti si fa leva sul fatto che il ponteggio, anche se ti tipo mobile, appartiene alla ditta appaltante. La cosa per me strana, che mi occupo di appalti nel settore pubblico, è che questa ditta propone prezzi e soluzioni che non hanno contraddittorio. E siamo alle solite, si entra con un prezzo favorevole per un intervento e si fanno i soldi col resto.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Se ti occupi di appalti o sei comunque impegnato in direzione lavori sai come girano queste cose.

Che non ci sia contradditorio è solo perchè nessuno si impegna a portare ulteriori offerte.

Resta il fatto che forse non vi sarebbe vantaggio economico a procedere separatamente o da soli.
Un "ponteggio mobile" lascia ampio spazio alla separazione degli appalti...fatti fare un preventivo per procedere ai lavori sulle tue parti in autonomia.

Mai potrebbero importi di dover accettare l'impresa "comune".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto