• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

anna

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buonasera,

avrei bisogno di un chiarimento per quanto riguarda chi deve pagare le spese di rifacimento balconi nella situazione che vi spiego.
E stato acquistato da un privato un appartamento in uno stabile anni 60 , in cui la maggioranza delle proprietà condominiali sono del Comune di Roma Capitale, alcuni mesi prima del rogito , ci siamo accorti che nelle facciate dei balconi in cui si alternano parti in muratura e parti con ringhiere , si erano venuti a creare crepe e distacchi di intonaco , pertanto il vecchio proprietario ha informato i vigili del fuoco che hanno disposto da li a breve la messa in sicurezza di tutti i balconi del palazzo, è stata chiamata una ditta che con con un sollevatore ha permesso agli operai di trattare con un materiale specifico tutte le parti ammalorate che mostravano ruggine e distacchi della muratura che aveva contatto con il ferro arrugginito della ringhiera. Naturalmente un intervento provvisorio , per il quale l'amministratore ha ripartito la spesa e che comprendeva anche l'occupazione del suolo pubblico che è stata sostenuta dal vecchio proprietario, nel frattempo visto che per il rifacimento di tutti i balconi doveva inervenire per maggioranza il Comune di Roma sono passati dei mesi e intanto è stato fatto il rogito, ora dopo 9 mesi abbiamo il conteggio preciso per proprietà della spesa che risultà di notevole entità , l'amministratore ci ha comunicato il riparto, ma in questo caso la spesa non doveva essere posta a carico del vecchio proprietario visto che le lesioni sono presenti da diversi anni e per le quali già si poteva presumere un importo di spesa? Ed inoltre anche l'amministratore non doveva informare il vecchio proprietario della spesa alla quale lui doveva contribuire e che sarebbe intervenuta nel momento del rifacimento di tutti i balconi della facciata? A questo punto devo rivogermi ad un avvocato in modo da far attribuire la spesa al vecchio proprietario ? Attendo i vostri consigli, grazie
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
ma in questo caso la spesa non doveva essere posta a carico del vecchio proprietario visto che le lesioni sono presenti da diversi anni e per le quali già si poteva presumere un importo di spesa?
No, se non c’è stato accordo in merito.
Visto che lesioni erano presenti e visibili, si può ben sostenere che il prezzo è stato calcolato anche sulla base dello stato manutentivo delle parti comuni, e delle spese prevedibili.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
avrei bisogno di un chiarimento...

Prima devi chiarire meglio la sequenza dei fatti, la tipologia di balconi e la composizione della proprietà che è poco chiara.

Se i balconi sono aggettanti la spesa compete ai singoli proprietari...e la spese generali (occupazione spazi/noleggio piattaforma, professionisti etc.) ripartita su base millesimale fra i soli proprietari di balconi oggetto di intervento.

Hai scritto che a chiamare i Vigili è stato un proprietario (con il quale avevate stipulato Preliminare) ma anche che vi siete accorti... la dirimente è stabilire chi abbia deciso di chiamare l'impresa che ha fatto l'intervento e se tale "ordine" sua stato dato prima del rogito.

Fosse stata una libera iniziativa dell'amministratore oppure a seguito Delibera votata prima del Rogito allora il promissario acquirente non è tenuto a pagare alcunché (salvo diverso accordo di compravendita).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto