• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

bianca maria bianchi

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Durante l'ultima Assemblea Straordinaria per SCIA in sanatoria, avendo rinnovato e variato C.T., è venuta fuori la novità di cui all'oggetto. Così è saltato fuori che, non solo non era mai stata presentata in Comune la prima variazione della C.T. del 97/98, ma che nel Condono presentato nel 1987 dall'allora amministratore, concesso nel 1993, erano state sanate solo alcune (pochissime) difformità. A questo punto è stato incaricato un tecnico perchè presentasse la SCIA di cui sopra.
Dopo due mesi è arrivato un elenco di "26" difformità che, se regolarizzate tutte, richiederebbero una spesa incredibile. Faccio presente che nel 2016, fra una cosa e l'altra ci siamo svenati spendendo € 200.000,00 circa, e questa notizia ci ha veramente sconvolto anche perché molti di noi si trovano nell'impossibilità di sostenere una altra spesa alta anche nel 2017.
Faccio presente che si tratta di un fabbricato costruito negli anni 50, costituito da un piano parziale comune seminterrato (ex abitazione custode ora vuota) + piano terra (garage, C.T., cantine) + 6 piani (appartamenti ascensore da piano rialzato, scale).
Nelle ultime settimane si è saputo che la Regione Emilia Romagna ha emanato un elenco di norme che si devono seguire con anche un elenco di "difformità da non sanare" cioè condonate a priori. E' possibile sapere dove trovare questo elenco? Se il Comune non emana alcuna normativa può diventatre "silenzio-assenso" e se si, quali sono i tempi? Spero di essere stata chiara perchè, non essendo un tecnico, temo sempre di non spiegarmi.
In attesa di risposta, ringrazio, Bianca Maria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto