• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

dario pota

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Buongiorno,
amministro un condominio da circa 6 mesi e l'unico problema serio è dato da una condòmino del piano rialzato che tiene lettiera di gatto + contenitori raccolta differenziata sul balcone, questo provoca maleodori pesanti e spesso insopportabili ai piani soprastanti; il problema ovviamente aumenta d'estate.
Nell'ordine ho fatto questo:
- telefonata cortese per far almeno pulire il balcone
- raccomandata di sollecito per quanto sopra
- recatomi asl che dice di non poter intervenire in propriatà privata

cosa mi consigliate di fare?
grazie mille come sempre per la collaborazione
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Se alla cortesia non c'è riscontro non vi resta che adire alle vie legali citando la signora per immissioni superiori al normale livello di sopportazione.
Non sono mai cause con esito "scontato/prevedibile"

Se i gatti usano la lettiera trovo difficile pensare ad odori nauseabondi.. magari non utilizzano sempre il luogo adatto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto