• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Ohara74

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
buonasera, ho un problema con l'appartamento dei miei genitori. Il condominio è degli anni '60 e il parapetto dei balconi è alto 93 cm. I miei genitori vorrebbero alzarlo, ma l'assemblea non vuole. Possono alzarlo lo stesso senza l'approvazione? Se si oltre a inviare raccomandata all'amministratore devono avvisare il Comune? Possono essere ostacolati dalle leggi sul decoro? A cosa vanno incontro a livello legale? Grazie per chi mi può aiutare
 

dolly2015

Membro Junior
Commercialista
Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236.

"Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche."

(Pubblicato in suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale n.145 del 23 giugno 1989)

8.1.8 Balconi e terrazze
Il parapetto deve avere una altezza minima di 100 cm [...].

Presumo che vi siano state delle ristrutturazioni al fabbricato (visto che è degli anni 60) ed il Condominio avrebbe avuto l'obbligo di mettere a norma i parapetti dei balconi in fase di ristrutturazione, ma non lo ha fatto. Allora i tuoi genitori possono, senza nessuna autorizzazione, mettere a norma il parapetto del loro balcone, ma consiglierei comunque di fare richiesta all'amministratore (precisando che non avete bisogno di nessuna autorizzazione), di un'assemblea nella quale scegliere il tipo di intervento a cui, tutti un domani, dovranno uniformarsi precisando che, se ciò non fosse fatto tutti si dovrebbero uniformare alle vostre scelte. La questione "decoro architettonico", di competenza del Giudice, non c'entra nulla, in quanto la Giurisprudenza, ha privilegiato, in più sentenze, la sicurezza rispetto al decoro architettonico.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Le questioni sul decoro possono essere certamente invocate dagli altri condòmini con il rischio che un Giudice le accetti e vi costringa a ripristinare la situazione e pagare le spese legali.

Senza il benestare della maggioranza vi conviene evitare di fare lavori.
Non sono quei 7 cm. di altezza a cambiare "sostanzialmente" la sicurezza e comunque l' edificio risponde alle normative dell' epoca e quindi è in regola.

Se proprio volete alzare ...sistemate qualcosa (vasi di fiori, grate o altro) dal lato interno dei balconi in modo che fuoriescano in altezza rispetto al bordo del parapetto senza che possano cadere oltre.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Nel mentre editavo è intervenuta Dolly:)

Mi perdonerà ma la "presunzione" di ristrutturazioni al fabbricato, ammesso e non concesso siano intervenute, non implica la modifica di parapetti sui balconi per messa a norme.

Formalmente sulle proprietà private non serve autorizzazione degli altri condòmini...ma iniziare su parti esterne che "coinvolgono" l'estetica dell' intero palazzo senza avere il placet espone a qualsiasi richiesta di blocco dei lavori o anche alla mancata approvazione dell' Ufficio Tecnico ove necessario.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto