• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gegè

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buongiorno a tutti.
Sono un nuovo iscritto
Il condominio al quale appartengo è composto da nove condòmini.
Nell’ultima riunione straordinaria, alla quale ho partecipato con delega con istruzioni di voto, i presenti (7 su 9, hanno deciso, a maggioranza, di ripartire le spese per l’allaccio alle fogne in parti uguali tra noi 9 ed altri 6 esterni al condominio.
Nelle mie istruzioni di voto avevo richiesto la ripartizione in base ai millesimi come, a mio avviso, prevede la normativa vigente, così avevano fatto anche altri 2 deleganti.
Con contatti telefonici hanno convinto gli altri 2 mentre io sono rimasto sulle mie posizioni.
Non posso bloccare l’allaccio alle fogne perché ci sarebbero gravi problemi.
Ho pensato di pagare comunque le spese richieste salvo, poi a lavori ultimati, chiedere che sia dichiarata nulla la delibera che prevede la ripartizione in parti uguali.
Non so se sono stato chiaro diversamente chiedetemi pure altre notizie
Che ne dite?
Vi ringrazio in anticipo per il vostro contributo
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non si comprende perchè si faccia un allaccio cui partecipano sia condòmini (proprietari) sia elementi esterni.
Forse intendi che il raccordo è unico per più realtà.

La descrizione dei lavori che andrete a fare è limitata...mam per quanto intuibile, non vedo motivi di nullità e posto che partecipano anche elementi estranei al Condominio, trovo corretto che la spesa sia divisa fra tutti in parti uguali.
 

Gegè

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Non si comprende perchè si faccia un allaccio cui partecipano sia condòmini (proprietari) sia elementi esterni.
Forse intendi che il raccordo è unico per più realtà.

La descrizione dei lavori che andrete a fare è limitata...mam per quanto intuibile, non vedo motivi di nullità e posto che partecipano anche elementi estranei al Condominio, trovo corretto che la spesa sia divisa fra tutti in parti uguali.
 

Gegè

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Premesso che in base al 1c dell’art. 1123 del c.c.:

“Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condòmini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione"

Il primo comma dell'art. 1123 c.c. individua il principio generale che regola la ripartizione delle spese condominiali, stabilendo che le spese si ripartiscono in modo proporzionale al valore della proprietà della singola unità immobiliare, salvo diversa convenzione. Cioè soltanto un patto sottoscritto da tutti i proprietari o imposto dall'originario ed unico proprietario ai successivi acquirenti, può eliminare questo principio generale. Una delibera dell'assemblea che approvi una ripartizione delle spese non proporzionale senza il consenso di tutti i proprietari è nulla-Questo non significa che nel condominio non sussistono spese ripartibili in "parti uguali", ma significa solo che si tratta di poche eccezioni (Es. citofoni e antenna centralizzata tv).

Se è valida la premessa la mia domanda é rivolta a conoscere se, per non bloccare i lavori di allaccio alla rete fognaria comunale, provvedendo al pagamento della quota richiesta in base al criterio di ripartizione in parti uguali adottato dall’assemblea, potrò successivamente chiedere la nullità (no, annullamento) della delibera relativamente al criterio di ripartizione della spesa imposto.

Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
E secondo te io mi permetto di scrivere senza conoscere gli articoli di Legge specie in materia di Condominio?

Appunto...hai messo un SE (segno che hai un dubbio)...viceversa io non ho dubbio alcuno nel dirti che la delibera per come hai spiegato non è affetta da "nullità" e salvo Giudice incompetente nemmeno da "annullabilità".

Sono pochi i motivi di "nullità" che sarebbe (ancora uso il condizionale) valida solo se fosse stata una delibera che fissava un nuovo criterio di riparto in difformità alle norme di Legge.
Voi invece avete deciso solo per una singola e determinata tipologia di spesa.
E se vuoi chiedere l'annullamento di tal delibera non ha riguardo il pagare o meno (obbligo che ti consiglio vivamente di adempiere pena Decreto Ingiuntivo) ma l'agire entro 30gg dalla data della stessa (visto che eri presente) e solo se hai votato contro o ti sei astenuto.

Cosa che comunque ti sconsigliò di fare (nessun uso del condizionale) perché la spesa di allacciamento alla fognatura è un fisso una tantum che al pari delle "quote fisse" di ogni servizio si paga indipendentemente dal valore della proprietà.

Questione diversa se intendi le spese per opere edili/idrauliche per procedere al l'allaccio.
In tal caso va distinta la quota dei singoli esterni da quella del Condominio che suddivide in base ai millesimi o altro criterio proporzionale
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto