• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

AntonelloTullio

Membro Junior
Altro Professionista
Buongiorno a tutti,
Vorrei il parere di qualcuno maggiormente esperto in merito ad un "caso reale" che sto studiando in vista dell'esame per divenire amministratore condominiale:

Il condominio in questione presenta un cancello A che consente l'accesso al cortile con numerosi parcheggi ma senza regolamento in merito a turnazione per l'utilizzo (chi prima arriva, meglio alloggia).
Dal cortile è possibile accedere ai garage privati, molti dei quali appartengono a non residenti del condominio, ciascuno di essi provvisto di porta basculante (che chiameremo B).
Da ogni garage, è possibile accedere alle scale comuni attraverso una porta C.
Le scale danno accesso sia al portone d'ingresso (porta D) che ad un secondo parcheggio sotterraneo.​

Quali provvedimenti dovrebbe prendere, a vostro parere, l'amministratore nei confronti del proprietario di garage che smarrisca un mazzo di chiavi in grado di aprire le serrature A,B,C e D?
Chiunque trovasse tale mazzo sarebbe in grado di accedere al parcheggio "esterno" (dove ogni giorno vengono parcheggiati numerosi veicoli), al garage del proprietario distratto ed alle scale del condominio stesso, inoltre avrebbe a disposizione anche le chiavi del portone.
Sarebbe giusto, agendo in virtù della sicurezza dei condòmini, procedere alla sostituzione delle serrature A, B, C e D? In tal caso potrebbe essere considerata una spesa urgente o bisognerebbe convocare l'assemblea affinché deliberi in merito?
Oppure, ritenete che sia un comportamento eccessivamente "paranoico"?
Grazie a chiunque troverà il tempo di rispondere.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
E' una questione di "lana caprina".

Se sottoponi la questione a svariati Giudici per la sola questione di "urgenza" è possibile che ottieni sentenze "variopinte".

Personalmente non vedo "questioni di urgenza" visto che nessuna persona "corre pericolo imminente"....e un malintenzionato potrebbe comunque aver avuto modo (in passato) di ottenere copia di dette chiavi (si pensi a "dipendenti" occasionali di qualche proprietario) o farsi aprire il portone o profittare del transito di altri.

Avere accesso a parti "comuni" non significa aver "libertà" di aprire parti private (auto, box, abitazioni).

In merito alla spesa di sostituzione...farei discutere la cosa in assemblea con spese a totale carico del "distratto".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto