• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

anna

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buonasera,
volevo un chiarimento anche alla luce delle nuove sentenze della Cassazione sulle spese riguardanti il sottobalcone, sto definendo l'acquisto di un appartamento e mi sono accorta che il sottobalcone presenta una crepa per la sua lunghezza derivante da infiltrazioni di acqua presumibilmente dalla ringhiera inserita nel pavimento, si tratta di uno stabile degli anni 60 ed anche il pavimento del balcone risulta in più parti rovinato. Ora l'attuale proprietario ha chiamato i vigili del fuoco per la messa in sicurezza (evitare che cadano pezzi sul marciapiede sottostante) e questi i vigili urbani che hanno transennato l'area perimetrale corrispondente al balcone, hanno fatto una relazione dicendo che le spese sono a carico del condominio. La domanda che pongo è questa le spese di sistemazione del sottobalcone (nella parte sottostante non c'è un altro balcone ma finestre) spettano all'attuale proprietario? Mentre le spese di rifacimento del frontalino del balcone e dei parapetti (il balcone alterna elementi in ringhiera a parapetti in muratura) non dovrebbero spettare ed essere divise fra tutti i condòmini. Specifico che si tratta di un balcone aggettante e che sono state rilevate le predette crepe anche in altri balconi del medesimo edificio. In attesa della definizione del rogito è giusto che l'attuale proprietario si occupi dei predetti rifacimenti. Attendo una vostra risposta e ringrazio per i chiarimenti che vorrete fornirmi.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Se, come hai scritto, si tratta di balconi aggettanti, le spese relative sono tutte a carico del singolo proprietario del balcone, esclusi eventualmente i soli frontalini e i parapetti, se riconosciuti di un qualche pregio estetico ( nel qual caso la spesa è condominiale).
 

robertodisanto

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Buonasera,
volevo un chiarimento anche alla luce delle nuove sentenze della Cassazione sulle spese riguardanti il sottobalcone, sto definendo l'acquisto di un appartamento e mi sono accorta che il sottobalcone presenta una crepa per la sua lunghezza derivante da infiltrazioni di acqua presumibilmente dalla ringhiera inserita nel pavimento, si tratta di uno stabile degli anni 60 ed anche il pavimento del balcone risulta in più parti rovinato. Ora l'attuale proprietario ha chiamato i vigili del fuoco per la messa in sicurezza (evitare che cadano pezzi sul marciapiede sottostante) e questi i vigili urbani che hanno transennato l'area perimetrale corrispondente al balcone, hanno fatto una relazione dicendo che le spese sono a carico del condominio. La domanda che pongo è questa le spese di sistemazione del sottobalcone (nella parte sottostante non c'è un altro balcone ma finestre) spettano all'attuale proprietario? Mentre le spese di rifacimento del frontalino del balcone e dei parapetti (il balcone alterna elementi in ringhiera a parapetti in muratura) non dovrebbero spettare ed essere divise fra tutti i condòmini. Specifico che si tratta di un balcone aggettante e che sono state rilevate le predette crepe anche in altri balconi del medesimo edificio. In attesa della definizione del rogito è giusto che l'attuale proprietario si occupi dei predetti rifacimenti. Attendo una vostra risposta e ringrazio per i chiarimenti che vorrete fornirmi.
Dalla descrizione che hai fatto è una spesa a carico del proprietario dell'appartamento a cui il balcone afferisce. Eventualmente il frontalino (se rappresenta estetica e decoro del prospetto resta a carico del condominio). Prima di fare il rogito dal notaio, se la spesa è stata deliberata sarà a carico di chi vende; in mancanza sarà a carico tuo. Buona giornata
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
i vigili urbani che hanno transennato l'area perimetrale corrispondente al balcone, hanno fatto una relazione dicendo che le spese sono a carico del condominio
I Vigili Urbani non hanno competenza per stabilire a chi spetti la spesa (presumo recinzione e occupazione area pubblica).
Anche se addebitata al Condominio poi compete al proprietario del balcone "pericoloso" (o a quanti nella medesima situazione ed area).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto