• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

chilosatace

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Buonasera ho preso in affitto un locale commerciale nella periferia di Roma . Il locale si trova sotto un condominio. Per svolgere la mia attività la ALS mi richiede un sistema di areazione meccanica perché non ho 1/8 della superficie finestrabile pertanto mi sono rivolta ad un professionista per avere un progetto sul sistema di areazione (estrazione ed immissione di aria). Nel progetto mi è stato indicato di praticare un foro di 30cm per far passare il tubo di immissione. Ho tentato di parlare con l’amministiratore ma la segreteria mi ha detto che lui non parla con i condòmini e che devo inviare in’email con il progetto. L’amministratore può negarmi il permesso?
Mi date una mano a scrivere un’email allegando il progetto? Non so come impostarla. Aiuto
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Di parlare con lui?
Comincia con il mandare il "progetto" e poi chiedi appuntamento.

Praticare il/i fori per la ventilazione?
Non è l'amministratore che pissa vietare ma l'assemblea potrebbe... solo che (salvo ci siano questioni estetiche o di sicurezza) non possono vietarti di procedere.
Tecnicamente non ti serve nemmeno approvazione ...ma per "rispetto civile" assieme al progetto specifica che procederai entro tal data all'esecuzione.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Se "richiedi" significa che attribuisci un potere che l'amministratore non ha.
Quindi meglio "avvisi" che procederai in tal senso salvo che l'assemblea ti comunichi motivi ostativi entro 30gg. dalla tua Raccomandata RR alla Francese (o PEC qualora tu e l'amministratore ne siate dotati).

Questione diversa se fosse qualche "ente" preposto a chiederti "permesso/liberatoria".
 

chilosatace

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Se "richiedi" significa che attribuisci un potere che l'amministratore non ha.
Quindi meglio "avvisi" che procederai in tal senso salvo che l'assemblea ti comunichi motivi ostativi entro 30gg. dalla tua Raccomandata RR alla Francese (o PEC qualora tu e l'amministratore ne siate dotati).

Questione diversa se fosse qualche "ente" preposto a chiederti "permesso/liberatoria".

Che dici così va bene?
Gentile amministratore

con la presente Le comunico che in data 3 novembre c.a procederemo alla ristrutturazione del locale commerciale sito in Via xxxxxxxxx.

A tale proposito Le comunico che in rif all’art. 1102 codice civile procederò all’installazione dell’impianto per la ventilazione meccanica per l’immissione e l’estrazione dell’aria come richiesto dalla normativa Asl.

In allegato Le invio il progetto redatto da tecnico abilitato.



Distinti saluti.
 

chilosatace

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Il progetto dell’impianto me lo danno oggi. Sto pagando l’affitto non posso attendere oltre. Come hai detto anche tu Secondo L’art 1102 non dovrei chiedere nulla lo faccio per una cosa civile. Io il negozio devo aprirlo e l’aria è indispensabile altrimenti non mi danno i permessi. Mi faranno causa poi vediamo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto