• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Otrebla

Membro Junior
Condòmino proprietario
Buonasera

vorrei cortesemente il vostro gentile parere su questa questione.
Quali sono i diritti dei condòmini relativamente all'installazione di paraboliche riceventi di provider di telefonia e internet? Ci sono dei divieti imposti dalla legislazione vigente? L'amministratore o gli altri condòmini possono opporsi all'installazione sul tetto comune?
Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Quali sono i diritti dei condòmini relativamente all'installazione di paraboliche riceventi di provider di telefonia e internet?
Cosa intendi per antenne e parabole?
Quelle per uso personale sono certamente ammesse.

Questione diversa se intendi un "ripetitore/cella telefonica."
 

queenann

Membro Junior
Condòmino proprietario
Di solito il condominio riceve la richiesta di poter installare una antenna di significative dimensioni (gestisce una cella di telefonia oppure è un ripetitore di altra installazione) sul terrazzo del condominio, ovviamente a pagamento.
L'amministratore riceve la richiesta, convoca assemblea straordinaria e si procede come di uso (maggioranza qualificata, discussione del prezzo, delibera, firma contratto).
E' questo il tuo caso?
Alcune antenne sono degli "alberi" con piccole padelle mentre altre hanno dei grossi "rami". Tutte devono essere ben ancorate. Di solito nessuna è solamente "ricevente".
Come vi è stata proposta?
 

queenann

Membro Junior
Condòmino proprietario
Quindi un condòmino che vuole mettere una propria antenna sul tetto comune.

La Costituzione italiana (quindi la massima fonte del diritto cui devono conformarsi le leggi tempo per tempo emanate) prevede all'art.21 "diritto di antenna".
In sostanza tutti hanno diritto a utilizzare dispositivi che permettano di ricevere e inviare comunicazioni siano esse parole o immagini. Questo diritto è stato gelosamente preservato dalla magistratura e dal parlamento che lo hanno aggiornato seguendo l'evoluzione della comunicazione.
Quindi si parte da un Regio decreto del 1928 per le trasmissioni radio, alla L.554 del 1940 sempre per le radio, alla sentenza di Cassazione del 29.10.1959 per le antenne televisive, al DPR 156 del 29.3.73 per le telecomunicazioni anche postali e al DL 259 del 1.8.2003 per le comunicazioni elettroniche.

Nella nostra quotidianità, ognuno ha diritto di apporre l'antenna nello spazio comune purché non leda o limiti l'altrui diritto di proprietà e non impedisca ad altri condòmini di fare altrettanto. Non vi è bisogno di alcuna autorizzazione da parte degli altri proprietari del tetto o terrazza (art.237 DPR 156/1973).
E' inteso però che non si possono imporre servitù inutili al condòmino dell'ultimo piano (art.91 e 92 DL 259/2003) neppure occupare tutto lo spazio di un terrazzino con due antenne in un condominio di 10 abitanti e neppure installarla alla garibaldina con prevedibili danni al tetto comune alla minima soffiata di vento.
L'installatore o il proprietario devono infatti conformarsi ai criteri di sicurezza emanati dal Ministero delle Comunicazioni in data 11.11.2015 (art.6)
Questo è il quadro generale. Se puoi specificare meglio il problema, sarebbe cosa gradita.
 

Otrebla

Membro Junior
Condòmino proprietario
Grazie mille queenann tutto chiarissimo!
Il problema è che l'impianto dell'antenna condominiale attraversa la proprietà di un condòmino per poi diramarsi negli altri appartamenti e, dato che utilizzeremo lo stesso impianto per calare il cavo dell'antenna ricevente, dovrò passare per forza dalla proprietà del vicino. Potrebbe opporsi?
 

queenann

Membro Junior
Condòmino proprietario
Direi di no in quanto, da come la rappresenti, è una implementazione di servitù coattiva (cioé obbligata) e non una nuova servitù
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
dovrò passare per forza dalla proprietà del vicino. Potrebbe opporsi?
Certo che può opporsi al passaggio...ed in tal caso dovrete chiedere l'intervento di un Giudice.
La presistenza di una servitù radiotelevisiva non vi autorizza automaticamente ad entrare in una Proprietà Privata a vostro piacimento.
 

Otrebla

Membro Junior
Condòmino proprietario
Certo che può opporsi al passaggio...ed in tal caso dovrete chiedere l'intervento di un Giudice.
La presistenza di una servitù radiotelevisiva non vi autorizza automaticamente ad entrare in una Proprietà Privata a vostro piacimento.
Grazie Dimaraz. Io, per questo, ho chiesto il permesso all'amministratore. Considera che non è l'unica servitù che esiste: io ne ho una dove passano gli scarichi di tutti ed ho una vasca di degrassatura comune nella mia proprietà che viene pulita da ditta esterna periodicamente. Penso che valga lo stesso discorso, oppure no?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
che viene pulita da ditta esterna periodicamente
Fare "manutenzione" è un conto...aggiungere una nuova antenna/parabola +cavo è una "nuova" servitù...e come tale richiede il consenso del proprietario o imposizione di un Giudice.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto