• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

patricasa

Membro Ordinario
Altro Professionista
#1
Siamo un condominio box dove esiste un articolo del regolamento che recita testualmente: <<E' consentito un numero di deleghe sino ad un massimo di 5>>. Fra i condòmini esiste il proprietario di 27 box per un totale di 270 millesimi. In sede di convocazione di una assemblea, può tale proprietario conferire il monte dei suoi millesimi ad una sola persona? In caso positivo il delegato deve, comunque, rispettare il limite di non poter cumulare su di sé deleghe superiori a un quinto dei condòmini e del relativo valore proporzionale?

Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
#2
Rileggi bene il dispositivo:

Ogni condòmino può intervenire all'assemblea anche a mezzo di rappresentante, munito di delega scritta. Se i condòmini sono più di venti, il delegato non può rappresentare più di un quinto dei condòmini e del valore proporzionale.

Intanto perché tale comma si applichi dovete essere più di 20 proprietari (cosa diversa che tante unità).
Qualora siate almeno 21 diventa applicabile la seconda parte di cui ti sottolineo la valenza della "congiunzione" (e) che fissa il limite al "combinato" dei 2 valori.
 

patricasa

Membro Ordinario
Altro Professionista
#3
I box in totale sono 70 di cui 27 detenuti da un unico proprietario. Apprezzo la precisazione sulla congiunzione fatta da Dimaraz. Il problema è creato più dalla "latitanza" di una buona parte dei 43 condòmini che dalla voglia di spadroneggiare del titolare dei 270 m/m. Se non si riesce a coinvolgere i primi con una paziente e logorante opera di sensibilizzazione, il secondo ha buon gioco.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
#4
Comprendo lo "sconforto" ma in democrazia vince la maggioranza... e in ambito Condominiale la norma impone sistemi ben precisi per evitare lo "spadroneggiare":
-le delibere sono valide solo se ottengono una doppia maggioranza di teste e millesimi
-chi detiene più unità vale sempre e solo come 1testa
-limiti al possesso di deleghe.

Quindi, nel vostro caso, il possidente deve trovare il consenso di almeno altri 12 proprietari nelle delibere semplici e 230 millesimi.

Se intende dare delega chi lo rappresenta non potrà riceverne altre ma potrebbe riceverne fino a 14 con il limite di ulteriori 140 millesimi (al che non avrebbe ancora la maggioranza dato che 270+140= 410).

Sottolineo ciò che tanti dimenticano:
ricevere una delega non significa che si possa usarla a propria discrezione ma secondo la volontà del delegante.
Sarebbe effimera la maggioranza ottenuta con voto difforme dal volere dei deleganti.
 

patricasa

Membro Ordinario
Altro Professionista
#5
Con la mia mentalità matematica ero convinto che il dispositivo richiedesse il verificarsi di entrambe le condizioni per poter considerare valide le deleghe del rappresentante: quindi pensavo che fino a 200 m/m potesse deternerle, gli altri 70 m/m dovessero essere delegati ad altro/a delegato/testa. I tuoi esempi mi hanno quindi fatto capire che ero fuori strada. Non voglio fare del metadiritto ma in matematica le condizioni sarebbero entrambe necessarie. In ogni caso mentre ti seguo sulle 14 deleghe (=70x1/5) non riesco a capire come questo stesso numero possa essere assegnato ad un delegato in presenza del limite di 5 deleghe imposto dal nostro regolamento condominiale. Alla stessa stregua non capisco il limite di ulteriori 140 m/m come venga fuori perchè io come "relativo valore proporzionale" penso sempre a 200 m/m.
Spero di essere riuscito a spiegarmi e ti ringrazio ancora per le ulteriori spiegazioni a cui ti costringo come per l'aiuto a capire che ti chiedo.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
#6
quindi pensavo che fino a 200 m/m potesse deternerle, gli altri 70 m/m dovessero essere delegati ad altro/a delegato/testa
Dici di essere "matematico"...ma se valesse il tuo ragionamento si avrebbe una contraddizione:
il "grande proprietario" da solo vale 1 testa e 270 millesimi...dando delega (o a tuo dire deleghe) diventerebbe 2 teste e sempre 270 millesimi -(200+70).

La norma precisa il limite di 1/5 (20%) dei partecipanti al Condominio e dei millesimi.
Ovvio che se il delegante da solo supera i 200 millesimi il destinatario della sua delega non potrà rappresentare altri.

La proprietà non è scindibile.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
#7
non riesco a capire come questo stesso numero possa essere assegnato ad un delegato in presenza del limite di 5 deleghe imposto dal nostro regolamento condominiale.
Perchè parlavo spiegando la Legge e ho omesso di considerare il limite più stringente imposto dal vostro regolamento di condominio.

Quindi nel vostro specifico caso al massimo solo da 5 altri proprietari.

Mi chiedo anch'io da dove ho ricavato iI 140 ... forse erano solo perché assegnavo 10 millesimi cadauno (sono in debito clamoroso con Morfeo).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno un saluto a tutti sono un nuovo iscritto Grazie x avermi accettato
Da qualche tempo non mi giungono più le comunicazioni del lunedì...
Stiamo costruendo il primo forum italiano interamente dedicato all'amministrazione condominiale e agli amministratori di condominio!👏
Marc0 ha scritto sul profilo di Il Custode.
Salve, sono il ragazzo di cui ci eravamo sentiti via chat su facebook :) ottimo sito stupendo ;)
Alto