• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sammarco

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Buongiorno, vorrei un chiarimento riguardante la causale di un bonifico da fare, per il rifacimento di un impianto di videocitofoni, vengo al dunque.
Sono stati fatti nel mio fabb. lavori di manutenzione alla facciata, e stiamo pagando le rate sempre con bonifico e con la causale secondo l'art. 16 bis del tuir- comma 1 del DPR 22/12/1986 n. 917, adesso un'altra ditta ci sta facendo l'impianto di videocitofoni perchè quello esistente è rotto, la mia domanda è questa, per avere l'agevolazione fiscale del 50% devo scrivere sempre la stessa causale ad esempio :manutenzione ordinaria del fabb. secondo l'art. 16 bis........................ come sopra scritto, fattura n°............... della ditta ............., oppure devo specificare che è rifacimento impianto di videocitofoni?
Gentilmente se potete chiarirmi un po' questo aspetto fiscale.
Saluti al forum
Michele Sammarco
 

sammarco

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Grazie per il chiarimento, comunque devo farvi una nuova richiesta a riguardo della dichiarazione che devo fare ai condòmini a fine anno riguardante il rifacimento dell'impianto dei videocitofoni.
Nell'attestato che devo dare ai condòmini come devo impostarlo, in quanto si tratta di rifacimento di un nuovo impianto di videocitofoni, non penso che devo scrivere detrazione 50% per manutenzione fabbricato.
Gentilmente se potete chiarirmi le idee con un fac-simile di attestazione riguardante il rifacimento dei videocitofoni.
Grazie della vostra collaborazione
Sammarco Michele
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto