• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Elisacolt85

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buonasera a tutti.
Abito in una palazzina di 6 unità immobiliari. Abbiamo tutti acquistato casa all'asta e quindi ci siamo "insediati" più o meno tutti insieme.
L'amministratore nominato, ci ha lasciato per due anni in balia del vento e non siamo ancora arrivati a pagare Acqua calda e Riscaldamento in base ai consumi e non abbiamo neanche deciso le.percentuali tra consumi volontari e involontari. La caldaia è centralizzata ed ognuno di noi ha nel pianerottolo uno sportello in cui al momento è installato un contacalorie. L'amministratore, dopo aver incaricato un termotecnico, ci ha comunicato che gli apparecchi per il conteggio sono scaduti e alcuni sono spenti, pertanto sono da sostituire.
Altri condòmini fanno finta di non capire e non pagano la quota straordinaria per i contacalorie e l'amministratore se ne lava le mani.
Per le due stagioni precedenti, ci ha fatto pagare il riscaldamento usando i millesimi di proprietà generale per la ripartizione delle spese, ma io vorrei sapere realmente quanto consumo e pagare in base a questo.
Qualcuno mi suggerisce come posso muovermi? Posso installare autonomamente un contacalorie e pretendere che vengano usati quei dati?
Grazie a tutti.
 

Elisacolt85

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Anche se cambi/monti un contacalorie poi significa che l'amministratore ti conteggi come norma comanda.

Stante l'inerzia devi rivolgerti ad un Giudicecscusami non sono esperta, potresti spiegarmi cosa vuoi dire "

Anche se cambi/monti un contacalorie poi significa che l'amministratore ti conteggi come norma comanda.

Stante l'inerzia devi rivolgerti ad un Giudice.
Ciao, grazie per la risposta e ti chiedo scusa ma non essendo pratica..puoi spiegarmi bene cosa vuoi dire con "come norma comanda"? Io vorrei proprio seguire la norma.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Norma prevede che ognuno paghi secondo i propri consumi "volontari" (contatore) e secondo le quote di riparto per gli "involontari".
Ma non essendo un "reato penale" (perseguibile d'ufficio) se Amministratore e Assemblea non provvedono tu devi rivolgerti ad un Giudice perché imponga adeguamento.
 

Elisacolt85

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Norma prevede che ognuno paghi secondo i propri consumi "volontari" (contatore) e secondo le quote di riparto per gli "involontari".
Ma non essendo un "reato penale" (perseguibile d'ufficio) se Amministratore e Assemblea non provvedono tu devi rivolgerti ad un Giudice perché imponga adeguamento.
Ti ringrazio molto per il chiarimento.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto