• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Francesco80

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Ciao a tutti,

da 3 anni sono in affitto in un nuovo appartamento ed ho avuto importanti costi per la quota dell'acqua che sono aumentati di anno in anno.

Nel primo trimestre di quest'anno risultavo consumare 100 m3 che mi dicono essere il consumo medio annuo di una famiglia (abbiamo dei contatori singoli in ogni vasca).

Non avendo perdite visibili ho chiuso il rubinetto della vasca e ho aspettato che si svuotasse con il normale consumo. Quando non usciva più acqua dai rubinetti ho chiuso quello centrale dell'appartamento, sono salito alle vasche, ho preso la misura del contatore e ho aperto il rubinetto dell'acqua per riempire la vasca. Ad operazione terminata il contatore segnava un consumo maggiore della capacità stessa della vasca segno che non funzionava regolarmente ed era difettoso.

D'accordo con l'amministratore ho sostituito il contatore tramite un idraulico di sua fiducia.

Adesso i consumi sono scesi in media del 70% e ho chiesto all'amministratore se fosse possibile effettuare un ricalcolo degli importi dell'acqua degli anni passati visto che il vecchio contatore era difettoso e, di fatto, quell'acqua in più non l'aveva consumata nessuno.

La risposta è stata un no in quanto ormai i bilanci degli anni scorsi sono stati chiusi.
Volevo capire se non ho alcun modo di recuperare costi di acqua che non ho effettivamente consumato.

Grazie mille,
Francesco
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto