• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

brenda102

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Stamattina mi chiama uno dei miei condòmini lamentandosi che abitando all'ultimo piano, non arriva mai in tempo al suo piano prima che le luci temporizzate si spengono.
Ovviamente ho provato ad allungare il tempo di accensione e mi è stato detto di tutto dagli altri condòmini perchè le luci stanno troppo accese :confuso: E vabbè, sappiamo com'è la gente quando gli tocchi il portafoglio :sbuffo:

Ad ogni modo questo condòmino mi chiede di installare le luci di emergenza che rimangono sempre accese come luce spia e nel caso manchi la corrente nelle scale, si accendono come tutti sappiamo. Lui sostiene che è obbligatorio, ma io non ne ho mai sentito parlare.

Ne sapete qualcosa? Vi è già capitata una cosa del genere?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
No ad entrambe le domande finali.

Una "luce di emergenza" mi risulta solo per gli ascensori....e per certi "datati" andava sempre accesa.

Tal soggetto puo legittimamente chiedere quel che gli passa per la mente...e il Condominio (assemblea) "gentilmente" ignorare.


Ps.
Per quanto riguarda la temporizzazione suppongo che ad ogni ingresso privato/ pianerottolo esista un comando che permette di accendere ma anche ri-accendere/prolungare i tempi di illuminazione delle aree comuni (rampe e pianerottoli).

SE l'età o la pigrizia non gli permettono di arrivare al "suo" ultimo piano nel tempo fissato...non deve far altro che ripremere un bottone.
 
Ultima modifica:

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Tema discusso anche nel nostro condominio: ma in senso opposto.

Un amministratore ora sostituito aveva sostenuto l'obbligatorietà di tenere le luci sempre accese durante la notte. Ed aveva fatto modificare l'accensione.

Recentemente un intervento sull'impianto ha ripristinato lo spegnimento temporizzato.

Cercando in rete se esistesse effettivamente una norma che imponesse una illuminazione notturna (fissa o di emergenza) avevo trovato una norma che la imporrebbe negli edifici con almeno nove piani (non ricordo se 9 compreso)
 

brenda102

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Cercando in rete se esistesse effettivamente una norma che imponesse una illuminazione notturna (fissa o di emergenza) avevo trovato una norma che la imporrebbe negli edifici con almeno nove piani (non ricordo se 9 compreso)
Non è il nostro caso (soli 5 piani) ma in edifici molto alti, è ragionevole avere delle luci spia nelle scale...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto