• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pingu5254

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L’amministratore di condominio è stato incaricato come tale con delibera del 03.03.2017.

La prossima settimana è prevista l’assemblea annuale e visto che non riporta all’ordine del giorno la conferma dell’incarico, ritenendo che il 02.03.2019 era stato completato il biennio di rinnovo tacito dell’incarico, ho chiesto di modificare l’ordine del giorno ed integrarlo di tale punto che ritenevo essenziale e dovuto dopo i 2 anni dall’inizio della nomina.

Mi è stato comunicato che a norma della sentenza n. 20322 di marzo 2018 del Tribunale di Bologna, in assenza di revoca espressa il rinnovo è tacito anche dopo il primo biennio e l’Amministratore in questione si allinea ed applica il disposto di quella sentenza.

Quindi era errata la mia informazione?

Come stanno le cose?

Se l’intendimento dell’Amministratore fosse errato, cosa fare in assemblea?

Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
È una materia relativamente dibattuta e personalmente sono fra quanti non condividono la "teoria" sulla durata biennale rinnovo tacito.

Poco indicativa la giurisprudenza attualmente reperibile e che dimostra la cecità dei Giudici di Primo grado.

Leggi qui e link inclusi
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto