• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

annamaria86

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Buongiorno, è la prima volta che scrivo qui ma frequento da abbastanza il sito leggendo e trovando molte risposte ai miei dubbi (e per questo vi ringrazio).

Mi scuso se la richiesta è lunga ma voglio essere precisa e dettaglita..

Premetto che siamo affittuari di un appartamento di edilizia residenziale pubblica in una palazzina di proprietà ATER a Chieti, da 25 anni.
L'assegnatario dell'appartamento è mio padre, di cui io ne faccio le veci, 75 enne, invalido già dall'assegnazione, al 100% + legge 104 per pluriamputazione arti (quindi in carrozzina) con normale pensione, io vivo con lui insieme al mio compagno, entrambi purtroppo disoccupati, quindi senza reddito.

Abbiamo sempre effettuato manutenzione ordinaria a ns complete spese (cambiando anche un calorifero che era arrugginito e perdeva (riscaldamento centralizzato), cambiando la caldaia acqua calda, ecc) solo che or ora ci troviamo in una situazione a nostro parere grave, assolutamente insostenibile.


Vi illustro il tutto allegando anche delle foto di cui mi scuso per lo stato dei locali ma le ho scattate "a caldo" prima che pulissi.

1) In questa settimana vi è stato molto vento, spifferi freddi ovunque non tamponabili con le guarnizioni paraspifferi esterne ed, all'improvviso, nonostante tutti gli infissi chiusi
è letteralmente esplosa la finestra del bagno
constatando che il vetro era assolutamente non a norma (non oso immaginare se vi era qualcuno in bagno, magari che si stava facendo una doccia cosa sarebbe potuto accadere) e le guarnizioni interne telaio totalmente rigide, che si sbriciolano non appena le guardi.


http://image.ibb.co/gBtgdG/image8.jpg

Notando gli altri infissi della casa praticamente TUTTI tranne uno soffrono di tale problema, alcuni non si chiudono bene e si aprono da soli, sono case di circa 50 anni se non di più ma fino ad oggi non se ne è mai risentito.

Ho chiamato alcune ditte e la spesa preventivata è impossibile da sostenere, allora chiamo la proprietà ATER che mi indica prima che dovremmo provvedere noi a tali spese di ripristino ed eventuale sostituzione infissi.

Visionando il loro sito Benvenuti sul sito dell'A.T.E.R. di Chieti | A.T.E.R. CHIETI e la loro carta servizi pare che tali spese le debba sostenere il proprietario dell'immobile..

Chiedo:

In base alla vostra esperienza, conoscenza ed eventualmente normative:

chi dovrebbe riparare/sostituire il tutto ? Chi dovrebbe sostenere tali spese e in che tempi ?

----------------------------------------------

2) Nell'arco di 3 anni, su segnalazione dell'inquilino PROPRIETARIO dell'appartamento al piano inferiore, per una potenziale perdita delle condutture interne dell'acqua di scarico, è intervenuta per ben 4 volte (fra l'altro presentandosi senza preavviso nè nulla) una squadra di operai che mi ha ogni volta rotto la pavimentazione del bagno per poter constatare il tutto dicendo ogni volta "problema risolto" (pareva venisse dallo scarico vasca, dallo scarico water e dal pozzetto), una di queste volte ci ha modificato lo scarico del water installando una cassetta esterna (quando prima invece era incassata nel muro) e ripristinando la piastrellatura con mattonelle totalmente differenti dalle originali rendendo il bagno arlecchino, indecoroso e, fra l'altro, indicandomi che avremmo dovuto, a nostre spese, dovuto rimettere del silicone bordo vasca e sanitari (che avevano loro rimosso).


http://image.ibb.co/eofYsb/image2.jpg
http://image.ibb.co/kbW6Cb/image1.jpg
http://image.ibb.co/mMSPyG/image4.jpg

Ogni volta ho specificato sul foglio di esecuzioni dei lavori il tutto, fatta segnalazione, ma ad oggi se ne fregano.

Ora, a distanza di meno di un anno, dovrebbero ritornare a brevissimo per la quinta volta, stesso problema e sarà la solita storia.. fra l'altro ora abbiamo anche noi delle infiltrazioni di acqua preoccupanti dal piano di sopra..


http://image.ibb.co/hGdskw/image7.jpg

Chiedo:
dato lo stato, non dipeso da me, è un nostro diritto richiedere il rifacimento dell'intero bagno eventualmente rimuovendo anche la vasca ed installandoci un piatto doccia (visto che così anche mio padre si possa lavare agevolmente) ? Le spese chi le dovrebbe sostenere ?


Ringrazio anticipatamente a chi saprà darmi risposte/consigli utili a poter risolvere queste vicende ;)
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
1) È improprio parlare di serramento "non a norma" visto che tali "nuove" normative non esistevano quando si costrui il tuo palazzo. Nemmeno esiste obbligo di sostituirli con altri "a norma".
Dubito che il vetro di una finestra "esploda" per la sola azione del vento.
Forse non era stata chiusa bene l'anta che apendosi e urtando violentemente ha determinato la rottura.
Tutti i "ripristini" sono a vostro carico.

2)Idem come sopra per i "rifacimenti" per questioni estetiche.
Quanto alle infiltrazioni da sopra vale per voi quanto fatto per chi sta sotto al vostro
bagno.
 

annamaria86

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Salve Dimaraz, non sono del settore quindi ho indicato quanto da me visto e quanto sto vivendo.

Può tranquillamente dubitare ma è così che è andata realmente, ha visto la foto dei vetri e delle inerenti guarnizioni interne ?

Anche perché se fosse stato così, ovvero se fosse stata colpa mia, di certo non avrei chiesto consiglio qui ma avrei risolto "da me". Fra l'altro la finestra è anche di quelle a serraggio ovvero che non la si può lasciare socchiusa.. o aperta o chiusa.

Quindi, per quanto concerne invece il bagno, nonostante ogni volta che vengono a "riparare" mi lascino mattonelle sbeccate e richiudano il tutto con piastrelle totalmente differenti fra di loro come da foto, a mo' di "mitragliata sui muri", dovrei tenermele così o ri-piastrellare a mie spese (rischiando che da qui a x mesi rivengano a ri-sfondare tutto così come succederà di nuovo a breve) ?

Non hanno obbligo a ripristinare tutto come da stato precedente ovvero con piastrellatura uniforme ?

Intanto segnalerò la potenziale perdita di acqua dell'inquilino di sopra (così come succede al condòmino di sotto per "colpa" mia)..
Fra l'altro avevamo riverniciato il bagno neanche due anni fa e dopo tutti questi interventi da macellaio è diventato un non so' come definirlo.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
siamo affittuari di un appartamento di edilizia residenziale pubblica
Quanto ti ho risposto è sulla base della tua premessa: tu (la tua familgia) non sei proprietaria dell'immobile...quindi non puoi "pretendere" di avanzare questioni "estetiche" sulla riparazioni di cui si faccia carico il vero proprietario.

Puoi certamente ma solamente avanzare pretese in ordine alla funzionalità...e se per una rottura sono costretti a rompere in certi punti il rivestimento (piastrelle) data l'età dell'immobile è impensabile trovare identici materiali.
Beninteso quanto rispondo non posso "parteggiare" per chi espone la domanda ma replicare sulla base delle Leggi.

Può tranquillamente dubitare ma è così che è andata realmente, ha visto la foto dei vetri e delle inerenti guarnizioni interne ?
Il mio "dubbio" deriva dal fatto che per esperienza ben difficilmente un vetro implode per la sola pressione del vento...salvo:
-non fosse già lesionato o abbia subito urto diretto o indiretto da/contro un elemento rigido.
-ci fosse una pressione del vento decisamente alta...ma allora non si romperebbe solo il vetro bnesi volerebbero tegole e quant'altro (vedi tornado Usa).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto