• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Nel 2016 abbiamo fatto installare nei termosifoni i ripartitori di calore. In sede di preventivo la spesa è stata divisa sulla base dei mc. Ho dato un acconto nel 2016 mediante bonifico "parlante" ed indicando quale causale, sulla base delle informazioni che mi aveva dato il fornitore,come relativo a opere di recupero del patrimonio ai sensi delle legge 214/2011.Adesso che devo fare la certificazione ai fini delle detrazioni fiscali, che peraltro ho già fatto informaticamente con il deskop telematico, secondo voi cosa devo indicare i millesimi di proprietà o i mc.
I ripartitori saranno pagati sulla base del numero che sono stati installati nei termosifoni e quindi in sede di consuntivo faro' una colonna apposita indicando l'importo che devono pagare.
Grazie
 

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Nel 2016 abbiamo fatto installare nei termosifoni i ripartitori di calore. In sede di preventivo la spesa è stata divisa sulla base dei mc. Ho dato un acconto nel 2016 mediante bonifico "parlante" ed indicando quale causale, sulla base delle informazioni che mi aveva dato il fornitore,come relativo a opere di recupero del patrimonio ai sensi delle legge 214/2011.Adesso che devo fare la certificazione ai fini delle detrazioni fiscali, che peraltro ho già fatto informaticamente con il deskop telematico, secondo voi cosa devo indicare i millesimi di proprietà o i mc.
I ripartitori saranno pagati sulla base del numero che sono stati installati nei termosifoni e quindi in sede di consuntivo faro' una colonna apposita indicando l'importo che devono pagare.
Grazie
INTEGRO quanto scritto ieri e cioè che la cosa più ovvia è quella di indicare nella certificazione la % che il condòmino ha pagato sulla base del numero dei termosifoni dove sono stati installati i ripartitori di calore. Cioè ho fatto 39541,00 diviso il numero dei termosifoni e moltiplicato il dato per il numero dei termosifoni per ogni appartamento e per la percentuale pagata che è di 11000,00 pari al 36,016%.
 

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
INTEGRO quanto scritto ieri e cioè che la cosa più ovvia è quella di indicare nella certificazione la % che il condòmino ha pagato sulla base del numero dei termosifoni dove sono stati installati i ripartitori di calore. Cioè ho fatto 39541,00 diviso il numero dei termosifoni e moltiplicato il dato per il numero dei termosifoni per ogni appartamento e per la percentuale pagata che è di 11000,00 pari al 36,016%.

Scusate l'importo totale della spesa è 30541,00 e non 39541,00.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto