• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

SISICCHIO

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Salve,

Si è tenuta in 2° convocazione un'assemblea straordinaria di condominio per deliberare su alcuni punti, il condominio è composto da 15 proprietari che hanno in totale 315 millesimi e dal costruttore che ha ancora in possesso immobili e consta di 685 millesimi.
All'assemblea si sono presentati tutti i proprietari ad esclusione del costruttore, pertanto l'amministratore ha comunicato ai presenti che l'assemblea non era validamente costituita per mancanza di almeno 334 millesimi.
ora i 15 proprietari ritengono non corretto questo è voglio adire le vie legali nei confronti dall'amministratore.
Vorrei cortesemente un Vs parere.

Grazie e saluti.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
I 15 hanno torto.
L'assemblea in 2a convocazione doveva avere almeno 1/3 dei millesimi totali...per essere regolarmente costituita...ma potevano anche essere comunque insufficenti in funzione delle eventuali decisioni che si sarebbero dovute prendere.
Per molte delibere (come dovresti sapere) serve maggioranza di almeno 500 millesimi e per alcune persino superiori se non l'unanimità (1000/1000).

Devo comunque muoverti una "reprimenda" (bonaria):
visto che ti presenti come Amministratore di Condominio ti ricordo che tu non hai poteri in Assemblea...potresti persino nemmeno presentarti stante il non obbigo ad una tua partecipazione.
Al limite dovresti limitarti a dare consigli e pareri lasciando che siano le "cariche" preposte dalla Legge ad assumersi le responsabilità del caso (Presidente e Segretario).

Questo ti porrà in una condizione "neutrale" e ti eviterà di inimicarti gli uni o gli altri...che anzi, qualora qualcuno intendesse "forzare" la mano, facendo passare per lecito quanto non è, e poi subisse impugnazione in giudizio...si ricorderanno dei tuoi "sapienti avvisi".

Dubito che un Giudice possa dare valore ad una citazione nei tuoi confronti...ma siccome qualsivoglia "causa" ha costi in termini di tempo e denaro...concorda e convoca una nuova assemblea precisando che dovrà essere nominato un Presidente che firmerà il verbale.
Informa il "costruttore" che qualora questi non partecipi nuovamente alla riunione e il verbale del Presidente riportasse le eventuali delibere come approvate ...le stesse sarebbero comunque valide ed efficaci (anche se viziate da maggioranza insufficente) e tu dovresti eseguire quanto indicato...salvo impugnazione difronte al Giudice.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto