• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gianfri

Membro Ordinario
Altro Professionista
Buongiorno.
Abito in un condominio che ha 10 piani ed è fornito di ascensore.
Un condòmino, proprietario dell'appartamento al decimo piano, ha acquistato anche l'appartamento al sottostante nono piano ed ha unificato i due appartamenti. Sta insistendo nel voler proporre all'assemblea, di pagare le spese relative alla forza motrice dell'ascensore rapportate al solo decimo piano (adducendo che lui non utilizzerà il nono piano), computandole tuttavia alla somma dei metri di ambedue gli appartamenti. Da un conteggio approssimativo, potrebbe ottenere un risparmio di un centinaio di euro o giù di lì che, tuttavia, andrebbero proporzionalmente a porsi a carico di tutti gli altri condòmini.
Le domande che pongo sono queste:
- è lecita una richiesta di questo genere?
- posto che trovi un consenso in assemblea, posso essere obbligato ad accollarmi una spesa che non ritengo sia di mia pertinenza e che non riguarda strutturalmente alcuna parte dell'edificio?
Grazie per l'attenzione.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Le tabelle per le spese di ascensore dovrebbero essere predisposte attribuendo, per ogni unità immobiliare, 50% della spesa in base ai millesimi di proprietà, e 50% in proporzione all'altezza di ciascun piano dal suolo.
I metri quadri non dovrebbero essere un parametro corretto.
Se si volesse ricalcolare la spesa, attribuendo all’unità immobiliare ricavata dalla fusione dei due piani il valore totale dei millesimi, ma rapportato al decimo piano, il condòmino spenderebbe di più, non di meno.
Mi pare una richiesta balorda, che presumo sarà facilmente bocciata in assemblea.
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
Come dice @Franci63 , il tuo co-condòmino, se accontentato nella sua richiesta, pagherebbe come se tutti i millesimi fossero collocati al decimo piano, e non parte al nono (dove costa meno) e parte al decimo.
Da un conteggio approssimativo, potrebbe ottenere un risparmio di un centinaio di euro
Conteggio che a questo punto non capisco come sia stato fatto

Comunque sia, a me la richiesta non pare legittima, a meno che lui non chiuda in modo permanente l'accesso al nono piano.
Lo stesso sarebbe se lui cambiasse idea e decidesse di usare solo l'ingresso al non piano.

Non basta astenersi dall'usare una parte comune, per liberarsi dei relativi oneri di spesa. Bisogna separarsene strutturalmente. Ad esempio, il cancello carrale, se oltre che ai box dà accesso anche alle cantine e/o alle scale comuni, lo pagano tutti, anche quelli che non hanno né auto, né moto, né bici, e quindi non lo usano.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Comunque sia, a me la richiesta non pare legittima, a meno che lui non chiuda in modo permanente l'accesso al nono piano.

Ineccepibile...un plauso per il rilievo.:ok:



Sta insistendo nel voler proporre all'assemblea, di pagare le spese relative alla forza motrice dell'ascensore rapportate al solo decimo piano (adducendo che lui non utilizzerà il nono piano), computandole tuttavia alla somma dei metri di ambedue gli appartamenti

Qualora "chiuda" (murando) l'ingresso del 9° piano ha diritto a pagare in tal modo sostituendo nella frase i mq. con i millesimi (potrebbe anche essere che il valore millesimale sia stato misurato in rapporto alla superficie).

Non gli serve alcuna maggioranza in quanto si ricalcola sulla base di dati oggettivi. Se l'Assemblea non accetta rischia una citazione in causa che sarebbe accolta.


Se si volesse ricalcolare la spesa, attribuendo all’unità immobiliare ricavata dalla fusione dei due piani il valore totale dei millesimi, ma rapportato al decimo piano, il condòmino spenderebbe di più, non di meno.

Se somma i millesimi e rimane con il solo accesso al 10° piano pagherà complessivamente di meno (pagherebbe ancora meno se lascia funzionale solo quello al 9°.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Se somma i millesimi e rimane con il solo accesso al 10° piano pagherà complessivamente di meno (pagherebbe ancora meno se lascia funzionale solo quello al 9°.
Non sono d’accordo, perché gli stessi millesimi complessivi ( la somma dei due piani) , ma rapportati ad piano più alto, danno un risultato maggiore: ma tu ne sai più di me, e non insisto.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non sono d’accordo, perché gli stessi millesimi complessivi ( la somma dei due piani) , ma rapportati ad piano più alto, danno un risultato maggiore: ma tu ne sai più di me, e non insisto.

Ma l'hai scritto tu stessa (correttamente): 50% in proporzione ai millesimi di proprietà (che rimangono invariati perché somma dei valori precedenti) e 50% in proporzione al piano (quindo se paga il 9 oppure il 10 è certamente inferiore che pagare per entrambi).;)
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Ma l'hai scritto tu stessa (correttamente): 50% in proporzione ai millesimi di proprietà (che rimangono invariati perché somma dei valori precedenti) e 50% in proporzione al piano (quindo se paga il 9 oppure il 10 è certamente inferiore che pagare per entrambi).
Avrebbe senso se non si limitasse a murare l'accesso al piano 9, ma non lo utilizzasse del tutto, paradossalmente.
Così, invece, vorrebbe dire che utilizzerebbe "gratis" l'ascensore per il piano 9; secondo me invece, murando l'accesso al piano 9, dovrebbe pagare di più, perché deve salire al 10, anche per arrivare al 9 dall'interno, con aggravio di consumo rispetto a prima.
Ovvero, sarebbe corretto che anche la parte calcolata in base al piano tenesse conto delle dimensioni complessive dell'unico appartamento ricavato.
Non so se riesco a spiegarmi, sempre in un un'ottica non conflittuale, ma giusto per un sano scambio di opinioni :)
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Così, invece, vorrebbe dire che utilizzerebbe "gratis" l'ascensore per il piano 9; secondo me invece, murando l'accesso al piano 9, dovrebbe pagare di più, perché deve salire al 10, anche per arrivare al 9 dall'interno, con aggravio di consumo rispetto a prima.

Ehm...sapevo che le donne e la logica matematica non viaggiano sugli stessi binari...ma così mi lasci basito.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Ehm...sapevo che le donne e la logica matematica non viaggiano sugli stessi binari...ma così mi lasci basito.
Non è una grande argomentazione, ne converrai ;)
Per tua informazione, sono sempre stata piuttosto forte in matematica ( al liceo mi facevano arrabbiare perché sostenevano che era così perché mia mamma insegnava matematica all'università...una sorta di proprietà transitiva, evidentemente), so cambiare gli pneumatici, so parcheggiare meglio di mio marito e so mettere le catene ...oltre a tutte el altre doti ritenute prettamente femminili, modestia compresa...😁😁
Se preferisci aggiungo "quasi gratis", o " pagando meno del dovuto".
Non ho ancora il privilegio di poter correggere i messaggi su questo forum
Non dico devtebbe pagare di più, unendo due immobili, ma perlomeno uguale a prima.
Se i criteri di calcolo sono diversi da come la vedo io, è perché le situazioni particolari non li possono giustamente condizionare, e serve generalizzare.
Ma a logica, se per andare in una parte di casa mia invece di scendere al piano 9 devo salire al 10 con ascensore, e scendere al 9 con le mie scale interne, io vedo un aggravio di energia.
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non è una grande argomentazione, ne converrai ;)

Certo...e scuserai se non ho condito con faccine ...nei tuoi confronti sempre la massima stima.
Quanto alle tue "abilità maschili" le intuivo (mi hanno dato del paragnosta) ...ma io non ho parlato di "matematica" (ho avuto compagne perché frequentato scuole pubbliche) ma di "logica matematica".

Forse ti fai sviare dalla questione "piano"...ma se chiude accesso piano 9 non è che raddoppia gli accessi al piano 10.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
ma se chiude accesso piano 9 non è che raddoppia gli accessi al piano 10.
No, certo, ma nemmeno smette di usare il piano 9.
Invece di raggiungerlo come prima, lo utilizza passando dal piano 10. ;)
E nemmeno mi pare che il criterio si all numero di accessi, altrimenti chi vive solo e non riceve visite avrebbe diritto a pagare meno di altri.
In definitiva, spero che non capiti un caso simile dove abito io .
Buona serata, con reciproca stima .
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Ma non usa la fermata 9.
Appunto, usa la 10 più di prima.
Rovescia la disposizione: mura l'ingresso al 10° ed entra al 9 (per poi usare le scale personali per andare di sopra)...come si ripartisce la spesa ascensore in tali casi?
Premesso che si parla di due lire di differenza, dovrebbe pagare meno, usando l’ascensore per un tragitto più corto 😉
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Perché "più" di prima?
Perche viene usata anche per raggiungere il piano 9.
Chiaro che si parla di uso potenziale, a meno che, comprando un altro appartamento, non si ampli la famiglia.
Ma il numero di componenti non mi pare essere un criterio di spesa.

Ripeto, secondo me, se per andare al piano 9 devo salire al 10, l'uso è superiore a sbarcare dall'ascensore direttamente al 9.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Francamente non capisco perché un proprietario "normale" (classica famiglia 2+2) che da proprietario di un "piano 10" abbia motivo di moltiplicare/raddoppiare gli accessi alla propria abitazione solo perché raddoppia la superficie della sua abitazione .
È irrilevante la direzione verso cui estende e non cambia la sua frequenza di uso dell'ascensore.
E come tu stessa scrivi non conta quante volte uno usa l'ascensore.
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
Come dice @Franci63 , il tuo co-condòmino, se accontentato nella sua richiesta, pagherebbe come se tutti i millesimi fossero collocati al decimo piano, e non parte al nono (dove costa meno) e parte al decimo.
Ribadisco quanto sopra e sono con @Franci63 .
Se per accedere alla porzione collocata al piano 9 deve salire con l'ascensore fino al piano 10, ai fini dell'ascensore è come se tutti i millesimi (anche quelli del piano 9) fossero situati al 10, quindi un aggravio di spesa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto