• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

marina rinaldi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Salve a tutti ho un problema con alcuni vicini. Sono proprietaria di un garage che si affaccia su un cortile secondario da cui si accede da uno principale piu' grande, su questo cortiletto c'è un fabbricato costruito successivament ed appartenente ad una stessa famiglia. Sia io che i miei genitori da sempre abbiamo usato questo garage per l'auto che solitamente parcheggiamo fuori in adiacenza alla nostra porta di ingresso. L'anno scorso i proprietari dello stabile che si affaccia sul cortiletto hanno eretto un muro con cancello elettrico e il mio garage è rimasto all'interno, mi hanno dato solo le chiavi per aprirlo e non il telecomando che hanno riservato solo per loro, per cui per me è diventato difficile accedere al mio garage. Avendo chiesto se potevano darmi un telecomando hanno rifiutato dicendo che io ho solo la servitù di passaggio e che il cortile è di loro proprietà. Io ho sempre saputo il contrario e cioè che è condominiale e quindi anche io ho una quota parte di millesimi corrispondente ma loro insistono nel dire il contrario e praticamente mi stanno cacciando fuori. Come posso fare per sapere se effettivamente il cortile è condominiale o se è come dicono loro di proprietà esclusiva? Se fosse condominiale potrei citarli per aver costruito un muro senza il mio consenso appropriandosi indebitamente di uno spazio non loro ed eventualmente pretendere l'abattimento? Premetto che nel mio condominio non abbiamo l'amministratore quindi non so a chi rivolgermi per far valere i miei diritti. Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
In ogni caso non all'amministratore ma ad un Giudice citando in causa i presunti "usurpatori".
Prima di iniziare la guerra devi accertare se sei comproprietaria di detta area...ma dal web non puoi pensare si possa dare risposta.
Devi verificare cosa riporti l'atto di acquisto o fare una visura catastale.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Seppur del '35 dovrebbe riportare i riferimenti di quali particelle siano div ostra proprietà e/o di quali in comproprietà.

Se non risultassi proprietaria (seppur in quota)...hai certamente una "servitù di passaggio".
I proprietari del "fondo servente" devono darti libero accesso ma non hanno obbligo di fornirti il "vantaggio" di un telecomando ma per Legge sono sufficenti le chiavi
(e coincidendo con quanto avvenuto mi fa pensare che si siano ben informati prima di agire in tal senso).

Puoi "tentare" di chiedere copia del telecomando, offrendoti di compartecipare alla spesa sia per l'automazione che per il consumo annuo e le successive manutenzioni...ma ciò non ti è dovuto.
 

marina rinaldi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Sul vecchio atto di vendita non parla assolutamente di servitu' è una cosa messa in mezzo da loro che giocano sull'ambiguità della situazione dopo aver costruito il cancello senza chiedermi nulla. Io ho solo bisogno di sapere come stanno le cose, ora provero' con la visura catastale come hai detto tu.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto