• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

enzo.toscano

Membro Ordinario
Ingegnere
buongiorno

L'amministratore del supercondominio dove risiedo è stato revocato con procedimento del tribunale in data 23/11/2021.
Nell'assemblea tenutasi il 25/1/2022 sono stato nominato nuovo amministratore
Nei giorni 31/1 e 1/2 u.s. l'amministratore revocato mi ha consegnato la documentazione condominiale dalla quale risultano movimenti contabili e di cassa relativi a:
- incasso di una quota condominiale ai primi di gennaio 2022
- pagamento di una fattura di un fornitore abituale (pulizia)in data 25/1/22
- una notula del 16/1/22 per il proprio compenso per l'anno 2021 (prestazione occasionale <5000 € con ritenuta di acconto 20%)
- un ricevuta in data 29/1/2022 pari a 1/12 del proprio compenso annuale riferita alle attività sviluppate nel mese di gennaio 2022.

Ho anticipato all'amministratore che avrei verificato la sostenibilità della sua richiesta sia in merito al compenso extra (evidenziando che il suo compenso annuale copriva 12 mesi dalla data di nomina (17/06/2009) e non l'anno solare) e la liceità dei movimenti di cassa in gennaio.

Ciò premesso chiedo cortese chiarimento sui seguenti punti:

- aveva potere di effettuare pagamenti o incassi dopo la revoca del tribunale e durante il periodo di prorogazio?

- salvo ricostruzioni del pregresso per verificare l'inquadramento periodico dei compensi percepiti, è legittima la richiesta di un mese extra che, considerata la nomina a giugno non avrebbe mai potuto includere il mese di gennaio.

ringrazio per le gentili risposte e saluto cordialmente
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
- aveva potere di effettuare pagamenti o incassi dopo la revoca del tribunale e durante il periodo di prorogazio?
SI. L'amministratore revocato deve eseguire l'ordinaria amministrazione fino a quando non viene nominato un sostituto o l'assemblea lo dispensi da tale compito (no prorogatio imperii).



- salvo ricostruzioni del pregresso per verificare l'inquadramento periodico dei compensi percepiti, è legittima la richiesta di un mese extra..

Apparentemente no...ma bisogna appunto verificare la liquidazione storica dei compensi.
Anche se eletto al 17/06/2009 potrebbe esser stato variato negli anni il periodo di riferimento dei compensi (auto)liquidati.
Ad esempio se avesse notificato e liquidato compenso per i primi 6 mesi o fino al 31/12/2009...allora aveva non solo il diritto di ottenere remunerazione del mese di Gennaio u.s. ma potrebbe pretendere pure il compenso fino alla data in cui sarebbe scaduta l'annualità di mandato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto