• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

aktar

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buongiorno,
avrei bisogno di un vostro parere al riguardo di quanto segue:
Nel negozio di mia proprietà ho subito un danno da infiltrazione, l'assicurazione
del Condominio ha liquidato quanto dovutomi trattenendo l'importo relativo alla
franchigia che prevede la polizza.
Vorrei sapere se ho diritto di richiedere al condominio tale importo, in quanto non
ritengo sia corretto imputare la franchigia a chi ha subito il danno.
Resto in attesa.
Grazie
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Vorrei sapere se ho diritto di richiedere al condominio tale importo, in quanto non
ritengo sia corretto imputare la franchigia a chi ha subito il danno.

Direi proprio di no. Storicamente, la "franchigia" in ambito assicurativo significa, "Ti rimborso tutti i danni a eccezione dei primi (ad esempio!) 1.000 Euro di danno".
E' una pattuizione contrattuale che si accetta firmando e accettando la polizza e tutte le sue condizioni (anche quelle scritte in piccolo).
Non è che ti è stata "imputata la franchigia", semplicemente il contratto prevede che fino a (ad esempio!) 1.000 Euro di danno, non riceverai alcun rimborso.
E' una atavica furbata di tutte le assicurazioni su qualsiasi ramo.
A me ad esempio hanno proposto di pagare 35 Euro l'anno in più per la garanzia "Collisione", con una franchigia di 1.000 Euro su un'auto che ne vale 2.500; quando si verifica il danno, ti dicono che è un danno da 1.010 Euro, ti danno 10 Euro e ti salutano caramente sogghignando. Funziona così.
Qualora tu voglia chiedere al condominio anche il valore economico della franchigia che chiaramente non ti è stato liquidato, di certo non sarà alzando la voce che otterrai quanto desideri: devi citare in giudizio il condominio pagandoti un avvocato, dopo naturalmente aver valutato se economicamente conviene pagare un avvocato per una questione del genere; considera che a Roma un avvocato per prendersi l'incarico chiede inizialmente 600 Euro circa.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Vorrei sapere se ho diritto di richiedere al condominio tale importo
SI...hai diritto a chiederlo.
La polizza condominiale serve a proteggere (in toto od in parte) da eventi avversi il contraente quindi il Condominio.
Tu che hai subito il danno hai diritto di pretendere l'intero danno patito se il danno deriva da colpa del Condominio...ma anche tu dovrai contribuire per la tua quota millesimale di franchigia.

Quanto alle spese legali o di giudizio qualora citassi il Condominio avrai possibilità di chiederne ristoro.
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
La franchigia è di euro 250,00

Classico caso in cui non conviene economicamente metterci l'avvocato, e se chiedi i soldi al condominio fanno spallucce e ti ignorano.
Perdona la franchezza!
Puoi senz'altro citare in giudizio il Condominio e chiedere in futuro il ristoro delle spese legali o di giudizio, se ti ignorano, ma la cosa andrà avanti per 7-10 anni perché si tratterà di una causa civile, con le sue tempistiche italiane.
 

aktar

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
La franchigia è di euro 250,00

Classico caso in cui non conviene economicamente metterci l'avvocato, e se chiedi i soldi al condominio fanno spallucce e ti ignorano.
Perdona la franchezza!
Puoi senz'altro citare in giudizio il Condominio e chiedere in futuro il ristoro delle spese legali o di giudizio, se ti ignorano, ma la cosa andrà avanti per 7-10 anni perché si tratterà di una causa civile, con le sue tempistiche italiane.
l'avvocato l'ho già dovuto mettere perché l'amministratore continuava ad ignorare le mie richieste.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
se chiedi i soldi al condominio fanno spallucce e ti ignorano.
Convengo che in certi casi sia preferibile evitare una "causa" dai costi certi e dall'esito imprevedibile...ma non si può glissare quando la controparte è definita, solvibile e non può defilarsi.

l'avvocato l'ho già dovuto mettere perché l'amministratore continuava ad ignorare le mie richieste.
...e 250 Euro sono comunque una cifra tutt'altro che risibile.
Visto che il legale ha già avuto incarico deve occuparsi anche di tale frazione.

Rammentagli che tutte le sue competenze sono da addebitare al Condominio e che nessuna delibera potrà addebitartene quota perché in casi di "causa" fra Condominio ed un condòmino quest'ultimo diventa "terzo".
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
E' una atavica furbata di tutte le assicurazioni su qualsiasi ramo.
A me ad esempio hanno proposto di pagare 35 Euro l'anno in più per la garanzia "Collisione", con una franchigia di 1.000 Euro su un'auto che ne vale 2.500; quando si verifica il danno, ti dicono che è un danno da 1.010 Euro, ti danno 10 Euro e ti salutano caramente sogghignando. Funziona così.
Non sono amico delle assicurazioni, ma la fracnchigia non è una "furbata": è un deterrente che evita che l'assicurato non si curi delle conseguenze dei suoi comportamenti, sapendo che c'è l'assicurazione.
Se non ci fosse la franchigia, ad esempio per la KASKO nell'assicurazione auto, io potrei posteggiare sbattendo quà e là e danneggiando le altre auto e la mia, tanto sono assicurato...
Se non ci fosse la franchigia, potrei tenere i tubi fino a che sono marci, tanto se finisco per allagare l'appartamento sotto chissenefrega, sono assicurato...

Sapendo di dover pagare comunque la franchigia, uno sta un po' attento.

Sull' auto di scarso valore, come quella di @possessore e la mia, io non faccio la kasko e quindi non ho franchigia. Se dovessi fare un incidente con colpa e renderla inservibile, la mia assicurazione risarcirà la controparte e io mi comprerò un'altra auto. L'unica cosa che assicuro extra sono i cristalli (quelli sì, che costano).
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Non sono amico delle assicurazioni, ma la franchigia non è una "furbata": è un deterrente che evita che l'assicurato non si curi delle conseguenze dei suoi comportamenti, sapendo che c'è l'assicurazione.

Tutto corretto quanto affermi, sicuramente mi sono spiegato male: la furbata delle assicurazioni è applicare una franchigia esageramente alta rispetto al valore complessivo del bene da tutelare, e applicando un premio assicurativo che in base ai calcoli delle probabilità di sinistro è comunque più alto del dovuto.
Spero di essermi spiegato meglio.
Il mio caso dell'auto che vale 2500 Euro con una polizza collisione che costa 35 Euro l'anno e una franchigia di 1000 Euro parla da sé.
Dovrebbero anzitutto, per legge, impedire che la franchigia sia prossima al 50% del valore del bene da tutelare. Nel mio caso pago 35 Euro l'anno magari per 10 anni senza sinistri, poi all'11-esimo anno ho un sinistro da 1100 euro, mi danno 100 euro ma nel frattempo ne ho pagati 11*35. Così è facile assicurare. Io non dico che le assicurazioni debbano fare le dame di carità e lavorare in perdita, ma così è esattamente il contrario, "vincono sempre".
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
vincono sempre
Tutte le aziende vincono, se perdessero sarebbero in perdita e allora ciao azienda.

L'assicurazione è una questione di trattamento del rischio, che come saprai è dato dalla formula:

Rischio = frequenza x magnitudo

Quando hai un rischio di frequenza bassa ma magnitudo elevata (un evento raro ma col quale potresti causare un danno grosso, tipicamente un incidente stradale), tu stipuli un'assicurazione: con l'assicurazione tu abbassi la magnitudo (paghi poco) ma alzi la frequenza (paghi spesso).
In cambio, l'assicurazione ha il suo guadagno basato sul fatto che la stragrande maggioranza dei suoi clienti di danni non ne fa, ma paga comunque le polizze. Ma l'assicurazione deve tutelarsi dai furbetti, con le franchigie, coi periti, e via dicendo.

Per questo io con l'auto ho solo la RC: la polizza collisione non mi serve: se il danno è piccolo lo pago (lo pagherei lo stesso, visto che mi impongono una franchigia), se il danno è grosso, potrei arrivare a dover buttare via l'auto, ma in ogni caso il danno non può essere maggiore del valore dell'auto stessa.
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
Dovrebbero anzitutto, per legge, impedire che la franchigia sia prossima al 50% del valore del bene da tutelare.
Oppure dovrebbero proporre contratti con abbassamento della franchigia a ogni rinnovo, in modo che il cliente paga ma si vede migliorate le condizioni di anno in anno.
Ovviamente, al raggiungimento di un minino stabilito (ad es. il 20% del valore assicurato), la franchigia non scende più, altrimenti diveta simbolica.
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Per questo io con l'auto ho solo la RC: la polizza collisione non mi serve: se il danno è piccolo lo pago (lo pagherei lo stesso, visto che mi impongono una franchigia), se il danno è grosso, potrei arrivare a dover buttare via l'auto, ma in ogni caso il danno non può essere maggiore del valore dell'auto stessa.

Anche io ho solo "RC AUTO" base, e niente altro. Non ha senso, la mia auto è di Luglio 2007, tra un po' le faccio la festa dei 18 anni :)
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Oppure dovrebbero proporre contratti con abbassamento della franchigia a ogni rinnovo, in modo che il cliente paga ma si vede migliorate le condizioni di anno in anno.

Sì, questa idea mi piace. Ma ovviamente è una idea equa, e poiché tendono a far pendere l'ago dalla loro parte, difficilmente si realizzerà. Ma è bello sognare, lasciateci almeno sognare!
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Quasi nuova. La mia è di agosto 1998

Se ti dico i chilometri che ho fatto non mi parli più. Dai, te li dico lo stesso. Circa 45.000 km da Luglio 2007, fatti due conti e vedrai che forse è proprio vero quello che mi diceva la mia ahimé ormai ex assicuratrice Signora Carla (è andata in pensione quest'anno, n.d.r.): mi conviene il taxi! :)
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Nel mio caso pago 35 Euro l'anno magari per 10 anni senza sinistri, poi all'11-esimo anno ho un sinistro da 1100 euro, mi danno 100 euro ma nel frattempo ne ho pagati 11*35. Così è facile assicurare

Mai visto puntare una pistola per obbligare a sottoscrivere una copertura facoltativa.

Si presume che chi firma sappia pure leggere e fare i conti.

Vuoi una franchigia più bassa...paghi un "premio" più alto (alcune compagnie offrono tale opzione in sede di sottoscrizione).

Non mi risulta che offrano la kasko ai veicoli con svariati anni e privi di valore storico.
 
U

Utente Cancellato 569

Ospite
Non mi risulta che offrano la kasko ai veicoli con svariati anni e privi di valore storico.

A me hanno offerto la "Collisione" a un veicolo con 15 anni e privo di valore storico (della serie, "Vecchio per l'assicurazione, Nuovo per le Mostre").

Me l'hanno inserita automaticamente sottoponendomi via email il PREVENTIVO per il rinnovo, spezzo una lancia in loro favore perché mi hanno espressamente segnalato di essersi scomodati ad aggiungerla loro per me. Ho risposto chiedendo con estrema gentilezza di togliere la garanzia Collisione, perché se un cinghiale mi distrugge l'auto lo ringrazio perché mi dà la scusa per comperarne una nuova di pacca.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto