• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

aktar

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buongiorno,
avrei bisogno di un vostro parere al riguardo di quanto segue:
Nel negozio di mia proprietà ho subito un danno da infiltrazione, l'assicurazione
del Condominio ha liquidato quanto dovutomi trattenendo l'importo relativo alla
franchigia che prevede la polizza.
Vorrei sapere se ho diritto di richiedere al condominio tale importo, in quanto non
ritengo sia corretto imputare la franchigia a chi ha subito il danno.
Resto in attesa.
Grazie
 

aktar

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Scusate ma la mia domanda riguarda esclusivamente la Responsabilità civile del Condominio per un danno strutturale, quindi la franchigia è su una polizza RC del condominio e non su RC auto che comunque il proprietario dell'auto che si assicura
con franchigia per risparmiare sul premio da pagare, in caso di sinistro è tenuto a pagare la differenza al danneggiato .
Quindi volevo sapere se a termini di legge o sentenze emesse posso richiedere tale
somma al Condominio senza partecipare al rimborso essendo io proprietaria del negozio.
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
Vabbé, abbiamo divagato. Ma il concetto è che l'assicurazione tutela l'assicurato (in questo caso il Condminio), evitandogli in tutto o in parte l'esborso per il risarcimento del danneggiato.

Il danneggiato, secondo il Codice Civile, ha diritto al risarcimento del danno. Il Codice non parla di franchigie. Quindi il danneggiato ha diritto a essere risarcito IN TOTO, anzitutto perché lui è il danneggiato, e poi perché è estraneo al rapporto tra chi ha causato il danno e l'assicurazione.
Se l'assicurazione non c'è, chi ha causato il danno risarcisce il danneggiato.
Se l'assicurazione c'è e non c'è franchigia, l'assicurazione paga il danneggiato, sostituendosi, come da contratto, al soggetto che ha causato il danno.
Se l'assicurazione c'è, ma ha una franchigia, paga secondo contratto ossia deducendo la franchigia. Quello che l'assicurazione non ha pagato, il dammeggiato ha diritto di pretenderlo direttamente da chi ha causato il danno.

Quindi se la domanda è se tu hai diritto al risarcimento integrale, la risposta è sì. Se chi ha causato il danno ha un'assicurazione, buon per lui. Ma se l'assicurazione non paga tutto, lui paga il resto.
 

davideboschi

Membro Junior
Condòmino proprietario
devo partecipare per i miei millesimi al risarcimento della franchigia?
La somma corrispondente alla franchigia verrà messa a consuntivo della gestione.
Imputata a chi... sinceramente non so.
Se a danneggiarti è stato un condòmino (con assicurazione che copre anche le parti private), presumo venga imputata solo a lui.
Se a danneggiarti è stato il condominio con il danno che viene da una tubazione comune... Sentiamo @Dimaraz .
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
devo partecipare per i miei millesimi al risarcimento della franchigia?
Oppure sono esclusa da tale conteggio?
@davideboschi ti ha gia correttamente risposto...integro completando il finale (che ritengo fosse comunque nelle sue "corde") confermando che pure tu sosterrai quota millesimale della franchigia.

Questo perché pure tu fai parte del Condominio e pure tu hai "culpa in vigilando" anche se non hai trascurato la manutenzione del bene comune.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto