• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

FANFULLA

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Sono venuto a conoscenza che più condòmini possono consociarsi per installare una parabola multiuso per godere di servizi aggiuntivi (Tv-Sat, pay-tv). Un tale l'impianto può chiamarsi “collettivo”, per distinguerlo da quello condominiale in quanto non necessita di una delibera assembleare rivolta ad una generalità di condòmini. Ne consegue la formazione, in tale limitato ambito, del C.D. “Condominio Parziale”

Chiedo se per la formazione di tale“Condominio Parziale” quale sia la prassi ossia bisogna rivolgersi ad un notaio per la stesura oppure riportarlo sul Regolamento di Condominio oppure basta che sia riportato sul verbale di riunione.

Prego volermi illuminare

Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
La "locuzione" Condominio Parziale è puramente "linguistica"...non significa che si debba costituire o formalizzare un sotto-condominio..(niente notai o dichiarazioni)

Una antenna sul tetto (tradizionale o parabolica) non necessita di autorizzazione condominiale o delibere di approvazione (può essere installata anche su iniziativa di un singolo)...salvo la si voglia "condominiale".

"Educazione civica" vuole ch per rispetto di tutti quantomeno si avvisi di tale idea o, tanto meglio, si discuta tal cosa in assemblea.

Una installazione "in comunione" potrebbe avere delle controindicazioni o difficoltà tecniche visto che alcuni potrebbero preferire orientamenti diversi (satelliti differenti)
 

FANFULLA

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Nel 2014 a seguito di una richiesta di installare un'antenna parabolica collettiva,da parte del condòmino “A ”che affitta l'alloggio al primo piano,fu chiesto un preventivo che risultando eccessivo nessun condòmino accettò. Questo chiese ed ottenne,da parte dell'amministratore, il permesso di installare la parabolica in facciata. Nell'ultima assemblea,a seguito di un'altra richiesta di installare un'antenna parabolica collettiva da parte del condòmino “ B ”,l'amministratore chiede al condòmino “ A “ di rimuovere l'antenna parabolica dalla facciata.

Ritengo questo sia un comportamento scorretto da parte dell'amministratore il quale,prima di dare il consenso doveva informarsi se le norme comunali lo concedono.

Ammesso che l'antenna sia installata il condòmino “A” può rivalersi sull'amministratore per far fronte a questa nuova spesa?

Qual'è il vostro pensiero?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
L'amministratore non aveva titolo per autorizzare l'installazione dell'antenna in facciata...e nemmeno responsabilità gli sono attribuibili se ora la si deve togliere.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto