• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Filippa68

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buonasera ho bisogno di una mano per capire che fare...

Nel 2013 abbiamo nominato un amministratore di condominio, per il nostro palazzino di sole 8 unità immobiliari. Tutto più o meno nella norma, solite lamentele ma niente di che.
Quest'anno invece è letteralmente scomparso :confuso::sbuffo:
L'esercizio 2015 si è chiuso al 31 dicembre dell'anno scorso, solo quest'estate abbiamo potuto provvedere alla revisione dei conti, poi lui ha promesso che avrebbe convocato un'assemblea in agosto, data nella quale ovviamente più della metà di noi era in ferie! :occhi_al_cielo:
Poi il nulla...

Così a novembre ci siamo auto convocati e all'unanimità con 1000 millesimi l'abbiamo dimissionato già per il 2016 ma nel frattempo abbiamo rilevato che lui ha già carpito il compenso intero per tutto l'anno. E' giusto questo?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
L'esercizio 2015 si è chiuso al 31 dicembre dell'anno scorso, solo quest'estate abbiamo potuto provvedere alla revisione dei conti
Se l'esercizio temina al 31/12 l'amministratore ha tempo fino al 30/6 per la presentazione dei bilanci (l'estate inizia il 21/6)...quindi non è chiaro se sia stato in "ritardo".

Salvo fraintendimenti sull'uso dei termini corretti...se avete "provveduto alla revisione" significa che avete ratificato la gestione approvando i bilanci.

Così a novembre ci siamo auto convocati e all'unanimità con 1000 millesimi l'abbiamo dimissionato già per il 2016 ma nel frattempo abbiamo rilevato che lui ha già carpito il compenso intero per tutto l'anno. E' giusto questo?
La Legge non specifica quando debba essere saldato il compenso ma lascia alla discrezionalità delle parti la scelta sulle modalità/cadenza di liquidazione.
Quindi, visto che per norma di Legge il compenso và stabilito al'atto della nomina... può essere anticipato, rateale o alla fine del mandato.

Altresì la Legge stabilisce la facoltà di revocare il mandato anche ben prima della scadenza...e ciò avviene in automatico se si provvede ad una nuova nomina.
MA se da un lato statuisce che si debba liquidare il compenso solo per la parte di attività svolta...all'amministratore è sempre risconosciuto il diritto di pretendere l'indennizzo dei danni per la revoca del mandato.

Ora par di capire che la scadenza del suo mandato (1 anno solare) fosse avvenuta già prima della vostra assemblea autoconvocata...ma anche in mancanza di rinnovo l'amministratore resta in carica in regime di "prorogatio imperii".
Tali danni usualmente non ossono superare il contrvalore del compenso per il periodo post-revoca.
Ne consegue che in assenza di "validi motivi" (gravi inadempimenti giuridicamente contestabili) non avete possibilità di contestare il suo "prelievo".
 

Filippa68

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ne consegue che in assenza di "validi motivi" (gravi inadempimenti giuridicamente contestabili) non avete possibilità di contestare il suo "prelievo".
Tutto chiaro, grazie. Non è una gran cifra e non per la cifra in se... è per il gesto che non ci è piaciuto per niente... ma se è un suo diritto, amen...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto