• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

MAURIZIO LO BUONO

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Il condominio dove ho una proprietà (un complesso di 18 palazzine da 3 piani ) ha variato l'amministratore nel giugno 2015, sostituendolo con un altro. Il vecchio amministratore non ha alla data odierna ancora consegnato al nuovo amministratore, la documentazione inerente la sua gestione 2015.

Io ho chiesto più volte, ma invano, al nuovo amministratore di sottoporre alla approvazione della assemblea condominiale i bilanci relativi alla sua gestione relativa al periodo giugno 2015- dicembre 2018 anche al fine di agire nei confronti di coloro i quali sono morosi delle quote ordinarie.

Il nuovo amministratore si giustifica dicendo che se non ha il punto di partenza del 2015, lui non può redigere nulla.

E' possibile con riserva di approvazione del bilancio 2015, che io insieme a tanti altri condòmini, obblighiamo il nuovo amministratore, ai sensi di legge, a presentare i rendiconti delle sue gestioni ?
Che azioni legali possiamo intraprendere nei confronti del vecchio e del nuovo amministratore ?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Il nuovo amministratore si giustifica dicendo che se non ha il punto di partenza del 2015, lui non può redigere nulla.

Dalla padella alla brace.
Avete trovato un sostituto incompetente ed indegno.
Appena insediato doveva attivarsi per ricevere tutta la documentazione condominiale e, in caso di rifiuto totale o parziale ricorrere al Giudice per azione coattiva.
Al contempo doveva separare le 2 gestioni anche "congelando" il c/c esistente (sul quale far eventualmente confluire unicamente quote a copertura morosità) e aprirne un nuovo.

Se dal 2015 non ha presentato alcun bilancio consuntivo per l'approvazione è in grave difetto si che ne puoi chiedere da solo revoca giudiziale.

Da deplorare anche la "noncuranza" dell'intera compagine condominiale che non partecipa attivamente per la gestione dei propri diritti/doveri.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto