• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Sambardi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Vorrei sapere la condotta del nostro amministratore condominiale è corretta in relazione a una richiesta che gli ho fatto 'sta settimana. Gli ho chiesto le fotocopie di alcuni documenti contabili del condominio, una ventina di fogli. Lui non ha obiettato ma mi ha richiesto 0,40 € a foglio e un'ora di lavoro per 30€.
Dal momento che nella lettera di incarico riportata nel verbale di nomina non è specificato nè il costo delle fotocopie nè tariffe particolari per prestazioni di questo tipo, può richiedermi queste somme? grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Certo che si ed è pure previsto dalla Legge (senza indicazione dei prezzi).

Non vi è obbligo di specificarlo nel preventivo/lettera di incarico e nemmeno nel contratto.
 

Sambardi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Previsto per legge? Mi puoi dare i riferimenti normativi?
A me sembra una follia, poi... se è così, è così...

Che mi dia i documenti, scendo, me li fotocopio e glieli riporto e con 3 euro risolvo la cosa.
Buttare via i soldi così di questi tempi è inaccettabile...
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Art. 1130 bis del Codice Civile.

Non hai titolo per pretendere che ti consegni tutti o parte dei documenti contabili.
Puoi prenderne visione gratuitamente concordando i tempi e senza essere di "intralcio" ma non puoi portare via gli originali.

Con un qualsiasi smartphone puoi disporre di tutte le copie che vuoi senza dover sborsare nulla al tuo mandatario.

Se fai fare del lavoro extra ad un professionista è giusto che lo paghi.
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Con il tuo criterio potrebbe comunque chiedermi una parcella per il tempo dedicatomi... o no?

Dipende.
Se nello specifico tu hai commissionato la produzione di determinate copie è sua facoltà chiederti compenso per la prestazione.

Quando giudichi un fatto devi provare a metterti anche nei panni degli altri...ed estremizzare: cosa diresti se tutti i proprietari dei condòmini che amministri si alternassero nel chiederti gratuitamente quello che tu hai chiesto al tuo professionista?

Tieni conto che per restare con un guadagno quantomeno pari ad un normale stipendio di un operaio (1.200/1.500 euro mese) un amministratore deve "gestire" almeno 300/400 condòmini (teste)
 

Sambardi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ma io capisco che se uno lavora dev'essere pagato, non faccio finta che non sia così. Ma è anche giusto pesare le cose nel loro contesto.
Quasi tutti sanno come funziona il mestiere dell'amministratore di condominio e non voglio dire altro... ci sono gli onesti, ci sono i furbi ma coscienziosi, ci sono i disonesti.
Resta il fatto che 40/50€ al giorno d'oggi per 20 fotocopie resta un'assurdità perchè non può divenire una forma di speculazione fornire 20 fotocopie.
Un professionista che ha 50 condominii, fa migliaia di fotocopie al giorno... migliaia. Non centinaia, migliaia. Cosa dovrebbe guadagnare? 5.000€ al giorno di servizio fotocopie, molto di più di una copisteria?
Io credo che far pagare così tanto l'estrazione dei documenti sia un deterrente a che i condòmini chiedano documentazione contabile.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Un professionista che ha 50 condominii, fa migliaia di fotocopie al giorno... migliaia. Non centinaia, migliaia. Cosa dovrebbe guadagnare? 5.000€ al giorno di servizio fotocopie, molto di più di una copisteria?

Tralascio l'esagerazione palese sul numero...fare migliaia di fotocopie porterebbe via tutta la giornata. A quel punto sarebbe costretto ad assumere un dipendente solo per il servizio copia.
Dubito che ogni giorno faccia fotocopie per richiesta dei suoi mandatari...e quelle che servono per le altre "cause" sono comprese nella sua normale attività.

Sarebbe buona norma chiedere prima di "commissionare" un lavoro quanto costa la prestazione.
 

giorgino

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Devo dire che con 50 condominii non si faranno migliaia di fotocopie al giorno ma ci sono giorni che un migliaio si fanno tranquillamente. E un dipendente con quei numeri è quasi un obbligo.

Io posso solo dire che se chiedessi 30 euro oltre 40 cent a fotocopia i miei condòmini mi impiccherebbero :fiuu:

Decisamente esagerato secondo e devo concordare con @Sambardi nel ritenere esosa la richiesta e pretestuosa e utile solo come deterrente che non getta buon nome sulla detestata categoria degli amministratori di condominio.

@Sambardi se ritieni di invitare qui il tuo amministratore mi piacerebbe sentire la sua campana e capire come fa a farsi pagare così tanto per imparare qualcosa :nerd:
 

Sambardi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Decisamente esagerato secondo e devo concordare con @Sambardi nel ritenere esosa la richiesta e pretestuosa e utile solo come deterrente che non getta buon nome sulla detestata categoria degli amministratori di condominio.
Non è che sei di Alessandria? :sorrisone:
Scherzi a parte, mi fa piacere che un amministratore collega del nostro capisca il mio punto di vista e lo condivida con onestà :applauso:

Sarà difficile che il nostro amministratore si faccia vivo qui a confrontarsi con persone preparate e coscienziose come voi...
 

Sabrina Procicchiani

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Non sappiamo i precedenti fra Sambardi e il suo amministratore. Per esperieza gli amministratori si fanno pagare in questi casi, solo quando i condòmini gli hanno tirato fuori il peggio di loro.
 

giorgino

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Non sappiamo i precedenti fra Sambardi e il suo amministratore
Vero Sabrina, ma sappiamo ciò che ci è dato di sapere dalla "campana" di @Sambardi ed è tutto quello che ci serve.
Il collega chiunque egli sia è liberissimo di venire qui, iscriversi e dirci la sua in proposito. Anzi me lo auguro perchè il confronto è ancora uno egli strumenti professionali più importanti che ci sia.

Detto questo, non è un mistero che nel nostro settore non sono tutti santi come in ogni settore. E in ogni caso, chiunque voglia commentare è libero di farlo sulla base dei fatti noti senza responsabilità sulla veridicità di quanto esposto.

Come dire... i rompiscatole ci sono e ne conosciamo tanti. Ma di colleghi poco professionali ce ne sono altrettanti ;)
E tutto sommato ci facciamo più bella figura come categoria a dare chiarimenti anche su questo che trincerarci dietro il campanilismo di categoria che non serve a un fico secco.

My2Cents.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Vero Sabrina, ma sappiamo ciò che ci è dato di sapere dalla "campana" di @Sambardi ed è tutto quello che ci serve.

Personalmente ritengo che un professionista cui si chiede un chiarimento debba essere come un "giudice" (seppur estemporaneo) super partes ovvero evitare le risposte che possono "piacere" all'interlocutore senza conoscere tutti i fatti o sentire (come suggerivi) l'altra campana.

Oltre alla condivisibile "giustificazione" suggerita da @Sabrina Procicchiani aggiungerei anche un compenso "risibile" richiesto in sede di nomina.
Personalmente preferisco non ci si "svenda" inizialmente (per procacciarsi il cliente) per poi diventare "avidi" ad ogni occasione...ma tant'è al mercato non si comanda e troppo spesso sono i proprietari (alias condòmini) che puntando al preventivo più basso, convinti di risparmiare, favoriscono il fenomeno.
 

luciano

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Assolutamente concorde con Dimaraz. Aggiungo un altro parametro che non è stato menzionato, salvo mie sviste, ma che ritengo sia assolutamente importante. Gli è stato richiesto dei documenti contabili del condominio di quale anno? Tenete presente che il tempo è denaro, quindi anche la ricerca degli stessi va conteggiata.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Gli è stato richiesto dei documenti contabili del condominio di quale anno? Tenete presente che il tempo è denaro, quindi anche la ricerca degli stessi va conteggiata.

La questione "anno" è risibile...posto che dopo 5 o 10 anni subentra prescrizione non vedo differenze nelle tempistiche necessarie per "estrarre" dei documenti che dovrebbero essere cronologicamente ordinati.
 

luciano

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Su questo ti parlo x esperienza. Mio zio ha x sua fortuna molti condòmini e lo svecchiamento in cantina porta un notevole caos ... Anche perché ha documenti di 30 anni ... Tu mi dirai che è questione di organizzazione, vero probabilmente non siamo organizzati come te!
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
30anni ??!!
Direi che sia tempo di indire una assemblea per decidere cosa sfoltire.
Come spiegato esistono dei termini di prescrizione.
Si tengono le "linee" essenziali il resto si frantuma.
 

giorgino

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Su questo ti parlo x esperienza. Mio zio ha x sua fortuna molti condòmini e lo svecchiamento in cantina porta un notevole caos ... Anche perché ha documenti di 30 anni ... Tu mi dirai che è questione di organizzazione, vero probabilmente non siamo organizzati come te!
Ti capisco :fiuu:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto