• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giovanna di miceli

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
mesi fa il condòmino del piano sottostante si presentava alla mia porta sostenendo che i danni (circa 10. 000 euro ) al suo appartamento erano causati da una perdita o rottura della mia condotta idraulica.
Ho chiesto così un sopralluogo alla presenza dell' amministratore di condominio il quale al momento del suddetto sopralluogo indicando una macchia scura nel tetto, all' altezza del mio water e della colonna di scarico condominiale asseriva che senza ombra di dubbio ,il danno era stato causato da me e che dovevo provvedere a ripararlo immediatamente.Premetto che nel mio bagno non c'e' umidita' e non ho nessuna perdita.Ciò nonostante ho incaricato un mio perito e richiesto un nuovo sopralluogo all' amministratore alla presenza del mio perito e di un perito incaricato dal condòmino del piano sottostante.L'amministratore non si è presentato ma ha incaricato per suo conto un ingegnere il quale ha constatato che non c'era nessuna perdita se aprivo l'acqua nel mio appartamento, così non trovando la causa si è aperto il cavedio del mio bagno e si è constatata la presenza di una rottura della colonna di scarico sopra il mio tubo di allaccio, il che spiegavo perchè se io scaricavo acqua non c' era perdita nel piano di sotto , ma se scaricavano dai piani superiori si poteva constatare un 'abbondante perdita al piano sottostante, quindi la mia condotta non causava nessun danno. Venendo al punto l 'amministratore non riconosce la natura condominiale del danno e continua ad affermare che è una questione tra me e il condòmino sottostante e minaccia di querelarmi se non provvedo subito a riparare il danno. Come comportarsi?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Cambiate amministratore.

In tema di scarichi la responsabilità dei singoli proprietari si ferma alla braga di innesto nei tubi condominiali.

Salvo fatto colposo la rottura di un tubo comune (di qualunque natura) è cosa che vede tutti i proprietari corresponsabili per quota millesimale con eventuale esimente di Condominio "parziale" (solo quanti usufruiscono di quel scarico) salvo diverso patto/norma in regolamento di condominio contrattuale o "consuetudine" diversa.

Personalmente sostengo la tesi che se la riparazione coinvolge solo il tratto con la perdita le spese di riparazione siano da ripartirsi fra i soli "a monte" della stessa.
Questione diversa per i danni subiti dal singolo che saranno a carico di quanti "allacciati" (incluso il danneggiato se collegato) su tutta la verticale.

Probabile rottura sia imputabile a vetustà... ma una polizza condominiale seria copre simili eventi.
 

giovanna di miceli

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Grazie Dimaraz per aver risposto, in realtà non è così facile cambiare l ' amministratore...ai condòmini sovrastanti la sua 'tesi' calza a pennello e quelli non direttamente interessati si fanno i fatti loro attribuire a me tutta la responsabilità dal momento che sono una 'donna sola' sta bene a tutti... intanto il condòmino del piano di sotto vuole risarciti i 10. 000 euro dei danni del suo appartamento da me , anche se il suo idraulico ha riconosciuto verbalmente che il danno NON viene da me perchè questa è la tesi propugnata ad oltranza dall' amministratore. quale soluzione ci potrebbe essere?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Tu personalmente hai poco di cui preoccuparti...se non per le eventuali perdite di tempo e i fastidi che potrebbero procurarti i "babbei" che volessero insistere con la tesi errata nei fondamenti.
Fatti rilasciare perizia firmata dal tuo tecnico e allegala (fotocopia) a Raccomandata RR alla "francese" indirizzata sia al tuo sottostante che al Condominio (nella persona dell'amministratore) dove informi che sulla base di quanto "certificato" dal tuo perito il danno non è a te imputabile e quindi rifiuti qualsiasi addebito salvo quota qualora il Condominio fosse ritenuto responsabile.
Rammenta che potrebbero esistere gli estremi per citare in giudizio l'amministratore per "culpa in vigilando" e mancato rispetto delle sue competenze contrattuali qualora non convochi assemblea per risolvere il problema.

Poi eventualmente contatta /trova un legale di tua fiducia qualora decidano di proseguire in giudizio.
 
Ultima modifica:

wide

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Le spese della riparazione del cavendio nell'appartamento in cui si fanno i lavori (rifacimento e pitturazione) sono a carico del condominio vero?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Dipende da chi è responsabile.
Se rileggi qualche spiegazione era già inclusa ed intiubile.

Se ti inserisci nei topic di altri con domande personali differenti rischi di creare confusione.
 

wide

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
No, intendevo una volta che si è appurato che è un problema condominiale, i lavori per il ripristino dello stato dei luoghi sono a carico del condominio ?
Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Dipende.
Se il lavoro riguarda area privata...il lavoro lo decide il proprietario e il conto lo presenta al Condominio.

Se la riparazione è su parte "comune" decide la maggioranza e pagano tutti...ma come detto era già tutto desumibile nelle risposte precedenti.
 

wide

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Vedi Diramaz mi ero accodato a questa discussione poichè in un condòmino la fecale passa all'interno degli appartamenti dal 5 piano in giù , è capitato che all'altezza del 1 piano il tubo di discesa si è staccato nell'ultimo tratto dal raccordo finale che va nella fogna, e si è dovuti intervenire nell'appartamento rompendo la colonna muraria dove essa passa x provvedere al ripristino del tubo. Chiedevo quindi se il ripristino dell'opera muraria e pitturazione fossero a carico del condominio.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Mi pare di avere esposto in Italiano corretto.

Avete un problema ad un impianto comune (=condominiale)...tutte le spese sono a carico del Condominio (= ripartire fra tutti gli allacciati a quella colonna su base millesimale incluso il proprietario dell'abitazione dove avete docuto rompere...se anche lui è allacciato).

Sempre fatto salvo diversa disposizione/convenzione in regolamento di condominio contrattuale.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto