• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Francesca BRUNO

Nuovo Iscritto
Geometra
In una palazzina di cinque alloggi, la cui parti comuni consistono in Androne Carraio, Corte Comune, Vano di scala per l'accesso agli Alloggi di singola proprietà - con accesso dall'androne carraio - scala di accesso alle cantine - che si diparte dalla corte comune. Oltre alle altre solite Parti Comuni (indicate nell'Art. 1117 del Codice Civile; suolo, fondazioni tetti, etc)
Vi è solo una piccola porzione di Area, antistante il fabbricato che si affaccia su strada comunale, che è di proprietà esclusiva ad un singolo condòmino.
Detta area era a suo tempo utilizzata come giardino.
In seguito il Proprietario ha deciso di cementarla per creare un cortiletto.
Nel sottosuolo - di detto cortiletto - transitano dei Servizi di Utilità Comune; Acquedotto e Fognatura Condominiale.
Il Proprietario, di detto cortiletto, siccome lamentava possibili infiltrazioni al Suo alloggio - sito al piano terreno ed attaccato all'area in questione - ha deciso, di Sua iniziativa di procedere ad una indagine esplorativa per verificare l'eventuale presenza di perdite dovute all'Acquedotto e/o alla Fognatura sottostanti.
N.B: La palazzina, in questione, è priva di Amministratore in quanto composta da soli cinque alloggi ed a seguito di riunione tenutasi nel 2012 - verbalizzata - si era deciso di NON dotarsi di Amministrazione Condominiale. Vi è solo un addetto che raccoglie - annualmente - le somme necessarie per pagare le bollette delle Luci Scale, Condominiali.
Col prosieguo dei lavori, di ricerca delle possibili perdite, si è dovuto sostituire, per l'intero tragitto (cortiletto) sia le tubazioni dell'Acquedotto che la Fognatura Comuni.
Ora, a Consuntivo delle Opere, il Proprietario del cortiletto "Pretende" che la demolizione del cemento del Suo cortiletto (pari ad 1/3 della spesa del muratore) sia da suddividere in quote condominiali.
Tale pretesa è Legittima e/o priva di fondamento ? ? ?

A quale articolo del Codice Civile dovrei far riferimento, nel caso in cui la Sua pretesa
 

Studio Verlicchi

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Buongiorno.
A mio avviso, sì.
Tutte le le spese relative ad opere che si sono rese necessarie per la riparazioni di condutture condominiali, devono essere sostenute dall'intero condominio o, quantomeno, da chi ne fa uso.
Sarebbe stato opportuno che il condòmino avesse informato l'amministratore di fatto del problema e della necessità di intervenire, ma dato il tipo di problema, potrebbe forse assumere il carattere di urgenza tale da giustificare l'intervento diretto.
D'altra parte, in un condominio così piccolo, vi sarete resi conto subito di cosa stava succedendo e vi sarete confrontati su cosa necessitava fare.
PS: il fatto che abbiate deciso di non incaricare un amministratore esterno, non significa che l'amministratore non ci sia. Di fatto e colui che si interessa e cura le questioni condominiali e si incarica di raccogliere le quote e di rendere conto di come vengono spese.
Buona giornata.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Tale pretesa è Legittima e/o priva di fondamento ? ? ?
La "pretesa" è legittima...i modi in cui si è gestito il tutto "contestabili" ...ma vi conviene far buon viso a cattivo gioco precisando.
Come spiegato da @Studio Verlicchi siete un piccolo Condominio in autogestione ed avreste potuto interessarvi maggiormente appena avuta notizia

Eventuale "appunto" sarebbe la "cementificazione" di un area soggetta a Servitù di passaggio (sotterranea) ...cosa che potrebbe essere un abuso e che "astrattamente" costituisce un "ostacolo" alla servitù.

Se quel 1/3 di spesa diviso 5 risulta limitato a qualche centinaio di Euro ...sorvolate.


fatto che abbiate deciso di non incaricare un amministratore esterno, non significa che l'amministratore non ci sia
Se non viene nominato ufficialmente e nel rispetto della norma nessuno è amministratore.

Quella di un "facente funzioni" non è una carica e non assegna poteri/doveri di vigilanza.
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Mah..avendo cementificato, probabilmente senza alcuna autorizzazione, la pretesa di pagare demolizione e ripristino della zona cementata mi pare senza fondamento.
Però concordo sul soprassedere, e pagare , se la cifra è ragionevole, per questioni di buon vicinato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto