• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Zucca

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Salve, in seguito alla morte di un parente, per successione, ho ricevuto il 50% di un appartamento e subito mi sono premurata di avvisare l'amministratore del palazzo in modo che aggiornasse le sue informazioni e mi potesse inviare la corrispondenza e la mia parte di rate da pagare.
Ciò nonostante egli non mi ha MAI inviato le convocazioni per le assemblee, idem per i verbali, tanto meno i rendiconti. In compenso ci invia però le rate da pagare, peccato però che anche in questo caso invece di chiederci il 50% delle quote come ovvio avendo il 50% della proprietà, ci addebita arbitrariamente una percentuale molto diversa, tipo il 70%.

Ho scritto, reinviato la documentazione, telefonato ecc, senza riuscire ad avere alcun chiarimento o spiegazione.
Al momento ho sospeso i pagamenti, ma cosa posso fare? Devo fargli scrivere da un avvocato? Devo ancora spendere dei soldi?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Occhio al sospendere i pagamenti...potrebbe fare un Decreto Ingiuntivo e tu essere nel torto.

Tu sei comproprietaria di una unità e in quanto tale se solidalmente responsabile dell'intera quota di spesa millesimale.
Su questa base l'amministratore non ha alcun obbligo di dividere la spesa e richiederne pagamento in quota ad entrambi e rispettivi proprietari.

Convengo sulla stranezza di un 70%...ma fornisci pochi elementi ed indubbiamente il mondo è pieno di "stravaganti" (per non dire altro).

Se l'altro comproprietario non è un tuo convivente o non ci siano fondati motivi che con un unico invito si possa presumere la "conoscenza" ad entrambi...l'amministratore ha il dovere di convocare TUTTI gli aventi diritto...pena la "nullità" della convocazione.
Non hai chiarito i rapporti con l'altro comproprietario...ma non indugiare.
Raccomandata RR alla "francese" indirizzata al Condominio nella persona del suo amministratore dove ripeti la storia intimando il rispetto degli obblighi di Legge pena la tua impugnazione dei Bilanci e citazione per inadempimento.
In caso di riscontro immediatamente da un avvocato...anche quello di associazione consumatori.
 

Zucca

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Tu sei comproprietaria di una unità e in quanto tale se solidalmente responsabile dell'intera quota di spesa millesimale.
Ah ecco non lo sapevo... quindi se lei non paga, mi tocca pagare a me e viceversa?
Su questa base l'amministratore non ha alcun obbligo di dividere la spesa e richiederne pagamento in quota ad entrambi e rispettivi proprietari.
Convengo sulla stranezza di un 70%...ma fornisci pochi elementi ed indubbiamente il mondo è pieno di "stravaganti" (per non dire altro).
Non so magari pensa che abbiamo un rapporto diverso dalla comproprietà e divide le spese secondo un criterio frainteso. Di fatto non c'è verso di fargli cambiare idea :occhi_al_cielo:
Se l'altro comproprietario non è un tuo convivente o non ci siano fondati motivi che con un unico invito si possa presumere la "conoscenza" ad entrambi...l'amministratore ha il dovere di convocare TUTTI gli aventi diritto...pena la "nullità" della convocazione.
No, l'altro comproprietario è un "estraneo", un lontanissimo parente col quale non abbiamo alcun rapporto, non ci conoscevamo nemmeno prima di diventare comproprietari...
n hai chiarito i rapporti con l'altro comproprietario...ma non indugiare.
Raccomandata RR alla "francese" indirizzata al Condominio nella persona del suo amministratore dove ripeti la storia intimando il rispetto degli obblighi di Legge pena la tua impugnazione dei Bilanci e citazione per inadempimento.
alla francese? :confuso:
Dici che mi serve un avvocato o posso scriverla di mio pugno? Nel caso, mi puoi indicare una traccia di lettera o dove poter trovare degli esempi? :preghiera:

:fiore:
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Visto che il comproprietario è un quasi sconosciuto prima di partire con avvocati e cause è bene chiarire le posizioni concordando una "linea".

Se tu non hai mai partecipato alle assemblee, se non hai ricevuto copia dei verbali e dei bilanci allora puoi esimerti dal pagamento che ti chiede l'amministratore.
Contatta il comproprietario e verifica se lui/lei abbia invece ricevuto le convocazioni e copia dei verbali e bilanci ...o se come te le sole richieste di pagamento.

Entrambi avete il diritto di ricevere convocazione ...ma solo 1 di voi potrà partecipare attivamente e votare.
Sarebbe quindi meglio concordiate prima chi voglia assumersi l'incombenza di essere presente alle riunioni.
Altresì dovete stabilire come regolare i pagamenti delle quote visto il non obbligo dell'amministratore di provvedere a ripartire.

Dal lato "amministratore scansafatiche" ...visto che dici di aver già tentato (infruttuosamente) un rapporto con telefonate e raccomandate...eviterei ulteriore perdita di tempo ma se vuoi riprovare una Raccomandata RR alla "francese" è praticamente una lettera piegata senza busta si che il destinatario non possa affermare di aver ricevuto un foglio bianco (i timbri postali verrebbero posti direttamente sul tuo scritto).


Evidentemente è un soggetto che deve sentire una voce più "autorevole" ...e quella di un avvocato lo mette sicuramente in allerta.
 

Zucca

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Le convocazioni e i verbali li manda alla mia comproprietaria così come il resto delle quote che non manda a me.

Farò come dici. Proverò la strada della raccomandanata ma se tanto mi da tanto...
e poi nel caso passerò alle vie legali...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto