• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Jao

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao a tutti, mi rivolgo a voi sicuro che sappiate darmi la giusta indicazione su un caso un po' anomalo, credo...
Premetto che molto prima dell'uscita della nuova normativa sugli impianti di riscaldamento (non so come si chiami esattamente), esattamente nel 2008, mi sono staccato dall'impianto centralizzato condominiale e ho il mio impianto autonomo. Ormai da un bel po', quindi.

Nell'ultima assemblea, si è deliberato l'adeguamento alla nuova normativa, appunto. L'amministratore ha inviato così il riparto preventivo della spesa da sostenere e ho notato che mi ha addebitato proquota il costo per la sostituzione di due pompe di rifasamento considerando tale intervento "ordinario" e quindi anche a mio carico anche se non uso l'impianto centralizzato.

Da notare che la caldaia condominiale era già stata messa a norma precedentemente con tanto di progetto di un ingegnere abilitato e intervento di una ditta specializzata.

:spunta:Secondo voi devo pagare questo intervento?
:spunta:Con quale millesimi si dovrebbe fare il calcolo di riparto in relazione ai consumi involontari?
:spunta:I millesimi del 1996 del riscaldamento, considerato che non ho più corpi radianti collegati all'impianto centrale, vanno ricalcolati? Se si, con quale criterio?

Grazie dell'aiuto! :stretta_di_mano:
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
:spunta:Secondo voi devo pagare questo intervento?
Si.
Sei comunque proprietario del'impianto condominiale e quindi tenuto alla sua conservazione e adeguamento a nuova normativa. Solo una delibera approvata all'unanimità (1000/1000) potrebbe scontarti tali costi.

:spunta:Con quale millesimi si dovrebbe fare il calcolo di riparto in relazione ai consumi involontari?
Il calcolo lo farà il tecnico incaricato
Semmai l'approvazione sara a maggioranza come 2°comma Art. 1136
50%+1 dei votanti che rappresentino almeno 500 millesimi.

I millesimi del 1996 del riscaldamento, considerato che non ho più corpi radianti collegati all'impianto centrale, vanno ricalcolati? Se si, con quale criterio?
Come detto i calcoli sono sempre di competenza del tecnico incaricato...e nemmeno mi addentro nei criteri (la normativa viene fornita a pagamento e temo sia una babele).

Nel tuo caso specifico (distacco avvenuto da circa 8 anni...bisognerebbe ben verificare l'eventuale delibera con cui è stato sancito/concesso il distacco e quale criterio sia stato usato nei successivi riparto.
Non ti fosse mai stata addebitata quota anche sui consumi potrebbe sussistere elemento sufficente per invocare una rinnovata esenzione da tali costi.
Normativa e Giurisprudenza equiparano una "consuetudine" ad un contratto...se poi la costa fosse stata inserita in un regolamento di condominio di tipo contrattuale ancora meglio.
A sfavore gioca la nov norma che prevede espressamente un addebito di quota per inefficenze di sistema, dispersioni e parti comuni anche al distaccato.
 

Jao

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
La delibera è stata una normale delbera nella quale mi si concede di distaccarmi dall'impianto centralizzato in quanto incapace di garantirmi i requisiti minimi di temperatura anche in scenari miti e mi dispensa quindi dal pagare i consumi, mentre non mi dispensa dal mantenere la caldaia per opere di ordinaria amministrazione. Escluse quindi le manutenzioni straordinarie e le innovazioni.
Per quello pensavo di non dover pagare...
Non ti fosse mai stata addebitata quota anche sui consumi potrebbe sussistere elemento sufficente per invocare una rinnovata esenzione da tali costi.
E' così. Ho pagato successivamente solo le manutenzioni ordinarie che sono state in questi anni davvero rare, tipo un paio e di entità poco rilevante. Mentre non ho partecipato alle innovazioni e alle opere straordinarie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
e mi dispensa quindi dal pagare i consumi,
E' tua tua deduzione o risulta nero su bianco?
Avessero scritto effettivamente tali parole e si fosse approvata la delibera con voto unanime 1000/1000...allora avresti notevoli chances per pretendere che tu rimanga di fatto escluso dai "consumi involontari" (genericamente indicati in un 30% del consumo totale).

Quanto alle spese di manutenzione temo si fraintenda la questione "innovazione".
Giuriprudenzialmente non può essere considerata "innovazione" qualsiasi modifica venga apportata ad un "impianto" già esistente.
Per raffronto se si trasforma un cancello manuale in automatico radiocomandato, tutta la spesa (motori, centraline etc) non è una innovazione ...con la conseguenza che si ripartisce fra tutti i proprietari.

Ne consegue che la sostituzione di pompe o anche della stessa caldaia non costituisce innovazione.

L'unica spesa alla quale non devi partecipare è quella relativa alle termovalvole...ma solo perchè non devono montarle sul tuo impianto.
 

Jao

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
E' tua tua deduzione o risulta nero su bianco?
Nero su bianco. E mi sembra anche ovvio... no? :riflessione::occhi_al_cielo:
approvata la delibera con voto unanime 1000/1000...allora avresti notevoli chances per pretendere che tu rimanga di fatto escluso dai "consumi involontari" (genericamente indicati in un 30% del consumo totale).
No è stata presa a maggioranza con il quorum delle innovazioni...
Consumi involontari? :cauto: 30%??? :shock:

L'unica spesa alla quale non devi partecipare è quella relativa alle termovalvole...ma solo perchè non devono montarle sul tuo impianto.
Fregato :bocca_cucita:
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
No è stata presa a maggioranza con il quorum delle innovazioni...
Cioè ben più di un condòmino non era concorde con il tuo distacco e/o con la tua esenzione da determinate spese (consumi involontari e operare straordinarie)?

Buon per te che nessuno ha pensato di impugnare.

Consumi involontari? :cauto: 30%??? :shock:
Con "consumi involontari" s'intendono quelli dovuti a disperizoni ed inefficenze del sistema + riscaldmaento delle aree comuni.
Il valorew del 30% è quello statisticamente medio rilevato nei condòmini...ma solo un tecnico potrà calcolare quello effettivo ( porebbe essere ben maggiore anche al 50% in funzione del tipo di Condominio e della presenza residente).
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Un paio di astenuti
Un astenuto è una persona che nn ha votato/espresso il proprio voto...e potrebbe impugnando palesare in tal modo la maturazione di una decisione.

Il vero problema è che tal delibera è affetta da "nullità"...quindi anche chi ha votato a favore della tua esenzione da certi costi potrebbe impugnare in qualsiasi momento per far ripristinare la situazione preesistente.
 
Ultima modifica:

Jao

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Un astenuto è una persona che nn ha votato/espresso il proprio voto...e potrebbe impugnando palesando in tal modo la maturazione di una decisione.
Intendevo dire che nessuno era contrario o per meglio dire, contrariato dalla decisione. Come ho anticipato il mio caso era davvero limpido e ancora oggi nessun ha nulla da obiettare (stranamente, lo ammetto)

Il vero problema è che tal delibear è affetta da "nullità"...
Speriamo che non succeda... del resto cosa potrei fare? Chiedere una ratifica all'unanimità della delibera?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
io non mi capacito di come possono averti esonerato dalla spese straordinarie
l'impianto è tuo, anche se non ti interessa ...
Credimi...conosco altri casi.
A volte si accetta per "ignoranza" (da parte di chi resta collegato al centralizzato) altre volte per "quieto vivere"....altre perchè è sempre difficile "cavare sangue da una rapa".
 
Ultima modifica:

Jao

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
io non mi capacito di come possono averti esonerato dalla spese straordinarie
l'impianto è tuo, anche se non ti interessa ...
A volte si accetta per "ignoranza" (da aprte di chi resta collegato al centralizzato) altre volte per "quieto vivere"....altre perchè è sempre difficile "cavare sangue da una rapa".
Del resto posso testimoniare che in perfetta buona fede, lo giuro, pensavo che fosse la cosa giusta... :occhi_al_cielo:
Quindi credo che come me tantissimi altri non sappiano esattamente come stanno le cose. Ora ne parlerò con i consiglieri, non voglio avvantaggiarmi di una decisione presa per ignoranza... quel che giusto è giusto.
Di certo, avere un amministratore preparato che sappia condurre l'assemblea a delle delibere valide è un bel valore aggiunto... :cauto:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto